Il CDC rifiuta di riconoscere un ruolo importante che hanno giocato le e-cig in merito ad un netto calo dei fumatori.

Il Centers of Desease Control and Prevention rifiuta di riconoscere un ruolo importante che hanno giocato le e-cig in merito ad un netto calo dei fumatori in tutta la nazione.

La scorsa settimana hanno annunciato che il tasso di fumatori negli USA ha raggiunto il minimo storico registrando il 14%. Il merito va sicuramente attribuito agli operatori della salute pubblica e alle scelte alternative più sicure alla sigaretta tradizionale, ovvero le e-cig.

Le ricerche da ogni parte del mondo continuano ad indicare che le sigarette elettroniche sono gli strumenti più efficaci per smettere di fumare, anche diversi enti sanitari elogiano i dispositivi per il ruolo che stanno avendo nel ridurre la percentuale di tabagismo a livello internazionale.

Tuttavia il CDC si rifiuta di riconoscere tutto ciò. Brian King, del CDC’s Office on Smoking and Health afferma che

 “se i fumatori avessero effettivamente smesso di fumare grazie alle e-cig, saremmo testimoni di un forte aumento del numero di vaper, ed invece è proprio il contrario."

Il funzionario del CDC ha sottolineato che il suo team ha scoperto che nel 2017 circa il 2,8% degli adulti utilizzava sigarette elettroniche, in calo rispetto al 3,4% nel 2015. Stiamo assistendo a un progressivo declino nell'uso generale di sigarette elettroniche negli adulti, che è nettamente diverso da quello che stiamo vedendo tra gli adolescenti.

Tuttavia, il direttore del Centro di ricerca e trattamento del tabacco del Massachusetts General Hospital Nancy Rigotti , ha sottolineato che se le e-cig sono utilizzate come previsto, ovvero come aiuto temporaneo per smettere di fumare, allora queste cifre potrebbero avere senso. "Questo presuppone che le persone passino alle sigarette elettroniche e restino con queste ultime, piuttosto che usarle per un breve periodo per poi abbandonare del tutto la nicotina".

La ricerca indica una correlazione tra svapo e lo stop al fumo. D'altro canto, mentre gli Stati Uniti insistono sul rimanere scettici in merito al ruolo delle sigarette elettroniche a favore della cessazione al fumo, un altro recente studio ha indicato che esiste effettivamente una correlazione tra svapare e smettere di fumare.

I dati per questo studio sono stati raccolti dal Rapporto sulla popolazione attuale (TUS-CPS) sull'uso del tabacco 2014/15, sull'uso di sigarette tradizionali ed elettroniche.

I risultati hanno indicato che gli utenti di sigarette elettroniche avevano più probabilità a smettere di fumare rispetto ai non utenti. Tra coloro che hanno fatto almeno un tentativo di smettere, il successo è stato più basso tra i non utenti, ma più alto tra quelli che avevano utilizzato le e-cig almeno 5 volte nell'ultimo mese. "Entrambi i tentativi di smettere e il successo, sono stati correlati linearmente alla frequenza dell'uso di sigarette elettroniche", si legge nell'abstract.

Segui il disclamer dei contenuti presenti sul blog.