Lo scorso mercoledì il Consiglio economico e sociale (CESE) ha discusso il posizionamento della sigaretta elettronica sul parere delle dipendenze dal tabacco.

Per i relatori del Consiglio economico e sociale francese la sigaretta elettronica sarebbe un buon modo per smettere di fumare posizionandola in cima agli strumenti a rischio ridotto per incentivare la cessazione.

Questa relazione è parte della presentazione di un parere sulle dipendenze dal tabacco e dall'alcool dove i relatori Etienne Caniard e Marie-Josée Auge-Caumon hanno suggerito che il vaping è uno strumento utile per allontanare gli utenti dal tabacco.

"Sulla riduzione del rischio, lo stato esita su certe pratiche e cerchiamo di essere un po 'più coraggiosi" , ha commentato Marie-Josée Augé-Caumon

"E' giusto posizionare la sigaretta elettronica con o senza nicotina tra gli altri dispositivi per smettere di fumare  per pubblicizzarli e per addestrare i professionisti della salute su tali dispositivi. Secondo l'Accademia della Medicina, ricordano, la tossicità della sigaretta elettronica si riduce perché non contiene agenti cancerogeni derivati dalla combustione quali monossido di carbonio e aldeidi volatili."

I relatori continuano contestando il quadro normativo che mette sullo stesso piano la sigaretta elettronica con il prodotti del tabacco affermando che l'altisimo livello fiscale e la regolamentazione restrittiva (anche nella pubblicità) non hanno senso di esistere per tali dispositivi.

"Riguardo agli esempi nel contesto del tabacco, possiamo vedere che tutti sono titubanti riguardo alle sigarette elettroniche e stiamo cercando di dimostrare che possono essere utili e devono essere condotti degli studi per accertarlo. " – Marie-Josée Augé-Caumon

Da un lato, i relatori, esprimono solidarietà all'idea di vietare l'accesso di tali dispositivi ai minori e l'utilizzo in spazi pubblici proprio per una questione di "prevenzione" ma invogliano a tenere a debita distanza le industrie del tabacco che "confondono" gli utenti promuovendo altre tipologie di dispositivi nettamente differenti dalle sigarette elettroniche, quali i riscaldatori di tabacco.

Il progetto di Etienne Caniard et Marie-Josée Augé-Caumon è stato presentato, alla seduta della sezione affari sociali e sanità, presieduta da Aminata Koné, il 9 gennaio 2019  con il titolo: "Les addictions au tabac et à l’alcool". 

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.