La PCRS ha pubblicato una nuova guida sulla dipendenza da tabacco per i professionisti del settore sanitario. Ma non viene dato risalto alle sigarette elettroniche.

Il PCRS (Primary Care and Respiratory Society) è la società professionale del Regno Unito che supporta qualsiasi operatore sanitario che fornisce cure ai pazienti con malattie respiratorie ed ha redatto una guida, grazie al supporto di 15 persone specializzate con esperienza nel supportare i fumatori a smettere, rivolta al personale sanitario.

La guida è pratica ed immediata, basata sulle evidenze scientifiche, e consentirà agli operatori sanitari di identificare ed incoraggiare i fumatori a smettere sostenendoli nel tentativo di cessare la loro relazione con il fumo.

"I fornitori di servizi sanitari devono prendere in considerazione un nuovo approccio per sostenere e sviluppare i buoni progressi compiuti dalle autorità locali, dagli interventi di sanità pubblica e dalla legislazione relativi alla cessazione". - commenta il team che ha realizzato la guida.

L'unica eccezione della guida è che il tutto, o meglio i consigli per smettere di fumare, rimangono legati al passato. L'approccio suggerito è quello della combinazione di "supporto e farmaci", specificando la disponibilità di tali strumenti da parte della NHS, come metodi inequivocabili per smettere di fumare senza dare largo spazio alle sigarette elettroniche come "nuovo" strumento di cessazione che si è affermato negli ultimi anni.

Il consiglio, nella guida, si ispira alle linee guida del NICE: "Le sigarette elettroniche contenenti nicotina si sono dimostrate efficaci per smettere di fumare, ma nessuna è attualmente disponibile con una licenza" e si concentra principalmente sulla prescrizione di farmaci e prodotti NRT tradizionali in combinazione con la consulenza.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.