In seguito alle dichiarazioni rilasciate ieri sul calo delle vendite di sigarette in Francia, Eric Sensi-Minautier, rilascia una nota sull'efficacia della sigarette elettroniche.

In seguito alle dichiarazioni rilasciate ieri sulla diminuzione delle vendite di sigarette che di contro non ha portato ad un drastico calo dei fumatori il direttore degli Affari Pubblici e Comunicazione di British American Tobacco (per l'Europa Occidentale) ha inviato una nota ai media che spiega come il calo sia stato dettato dall'aumento della popolarità delle sigarette elettroniche e che una maggiore incentivazione degli strumenti a rischio ridotto potrebbe portare un calo drastico anche nei fumatori.

"British American Tobacco (BAT) sostiene politiche sanitarie ragionevoli ed efficaci. Ma oggi, il governo evidenzia un presunto declino della prevalenza di fumatori, dopo diversi anni dediti ad una politica contro il fumo che ha soltanto portato ad un maggiore contrabbando di sigarette.

"Questo presunto declino della prevalenza sembra essere il risultato di molteplici divieti che non hanno però sviluppato la conoscenza, da parte dei fumatori, della sigaretta elettronica, l'unica efficace alternativa alla sigaretta tradizionale. Ricordiamo, tra le altre cose, che secondo le cifre fornite dal Ministero della Salute, oltre il 50% delle persone che smettono di fumare hanno confermato di usare le sigarette elettroniche.

"In questo contesto, è un peccato che questa potente soluzione al fumo rimanga superbamente ignorata dalle autorità francesi, anche perché accelererebbe il passaggio dei fumatori verso questa alternativa al tabacco, come dimostrato dall'esempio britannico. Più che mai, sembra urgente passare a una politica pragmatica di sanità pubblica basata sulla riduzione del rischio piuttosto che impegnarsi ostinatamente in approcci ideologici. "

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.