Si è aperto un piccolo spiraglio di luce in un paese che ormai sembra aver iniziato una vera guerra contro il settore?

Nel paese è stata costituita una vera e propria task force composta da un gruppo di esperti indipendenti e volontari in materia di prevenzione e medicina che chiedono una nuova ricerca che riguardi i metodi efficaci per i giovani per aiutarli ad abbandonare la dipendenza dal tabacco.

“Prevenire l'uso di prodotti contenenti tabacco tra i giovani è fondamentale per la salute della nazione", ha detto il membro della task force “Dr. Michael Silverstein”  in un comunicato stampa dell'organizzazione. "Tutti i giovani sono a rischio per l'uso del tabacco e dovrebbero essere proposte maggiori campagne di sensibilizzazione per impedire a loro (e non solo) di iniziare a fumare”.

"Aiutare i giovani a smettere di usare il tabacco è vitale per la loro salute", ha detto il membro della task force “Dr. Chien-Wen Tseng”. "Purtroppo, gli studi non hanno ancora identificato modi efficaci per aiutare i ragazzi e gli adolescenti ad abbandonare questa dipendenza, ed ecco perché la task force sta chiedendo ulteriori ricerche in questo settore."

Ancora una volta purtroppo sembra quindi che la sigaretta elettronica non venga presa in considerazione seriamente, eppure esistono una moltitudine di studi che confermano gli effetti benefici e soprattutto l’aiuto che questo prodotto da a chi vuole smettere di fumare.

Ancora una volta quindi siamo davanti ad una situazione potenzialmente interessante per la pubblicizzazione di uno strumento valido come la sigaretta elettronica, ma per l’ennesima volta tutti gli studi e le ricerche effettuate sul settore sembrano voler necessariamente essere messe da parte, ci verrebbe da chiedere quale possa essere il senso effettivo di questa scelta.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.