Altra opinione sul report ormai tanto discusso ed interpretato dell'OMS. A parlare, questa volta, è il prof. Bertrand Dautzenberg.

Il professor Bertrand Dautzenberg , esperto di tabacco, ex pneumologo di "La Pitié Salpêtrière" e forte sostenitore delle sigarette elettroniche, preferisce qualificare le affermazioni dell'OMS e le informazioni riportate nel documento.

Pochi giorni fa il professor Bertrand Dautzenberg ha ha espresso al sito francese Francetvinfo.fr la sua personale opinione sul report redatto dall'OMS dove le sigarette elettroniche si relazionano in una duplice interpretazione, da un lato i sostenitori che interpretano le 3 pagine riferenti la sigaretta elettronica come una "nuova apertura" dall'altro invece i media che interpretando il report esprimono preoccupazione per la nocività di quest'ultime .

"L' OMS rimane cauto riguardo alla loro utilità e al loro potenziale pericolo, perché mancano studi sull'argomento. Ma niente di nuovo." - commenta Bertrand Dautzenberg

Se concorda con l'OMS sull'importanza di regolamentare l'uso di sigarette elettroniche in tutto il mondo, il medico afferma che, a differenza di altri paesi, in Francia questo viene già fatto. Si riferisce in particolare al divieto di vendita ai minori, alle rigide regole nei luoghi pubblici, all'attuazione degli standard di prodotto e all'ampio divieto di pubblicità.

Per lui, la sigaretta elettronica rimane un buon modo per smettere di fumare:

" Lo vedo durante le mie consultazioni. Lo consiglio come supplemento ai farmaci e funziona. Perché se molti pazienti rinunciano ai farmaci, la maggioranza continua a svapare, perché questa soluzione alternativa si adatta meglio a loro."  

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.