A fronte degli avvenimenti accaduti negli Stati Uniti, li commenta, in una lunga intervista a Lepoint.fr, Gérard Dubois, professore di sanità pubblica e coautore del rapporto sulle sigarette elettroniche del 2015.

"Non dobbiamo sbagliare nemico, ad oggi siamo nella confusione più totale" - commenta a Lepoint Gérard Dubois, professore di sanità pubblica e coautore del rapporto sulle sigarette elettroniche del 2015.

Il maxi processo alla sigaretta elettroniche non si arresta e gli Stati Uniti contano già 7 morti causate dall'utilizzo di liquidi non idonei per la vaporizzazione nelle sigarette elettroniche; 400 persone sono state ricoverate con gravi malattie polmonari e solo 1 ha ammesso di aver usato liquido al THC illegale comprato da uno spacciatore. come se non bastasse la sigaretta elettronica è al centro di una disinformazione impressionante dove giornalisti, medici e persone in genere non comprendono la differenza tra un hardware e il liquido usato.

"Tutti concordano sul principio che la sigaretta migliore è quella che non fumiamo, elettronica o quant'altro. Ma per quanto riguarda il fumatore, la domanda non è nemmeno messa in discussione! È meglio svapare che fumare sigarette. La sigaretta elettroniche è meno dannosa del tabacco e aiuta a smettere di fumare. Abbiamo studi sempre più seri e certi che lo confermano e persino, come nel caso di uno di essi, randomizzato, pubblicato sul New England Journal of Medicine che mostra che le sigarette elettroniche sono più efficaci nel smettere di fumare rispetto ad altri sostituti della nicotina come cerotti e gengive. ".

Per quanto riguarda i casi Usa  Gérard Dubois:

Siamo in una confusione totale e si deve capire il contesto senza confondere il tutto. C'è questa improvvisa epidemia di malattie polmonari che si sta sviluppando in più 400 persone con 6 morti, che si verifica dall'altra parte dell'Atlantico e viene attribuita alla sigaretta elettronica. Un'epidemia che si aggiunge a un secondo evento scandaloso lo scorso luglio: quando l'OMS usa una terminologia errata etichettando la sigaretta elettronica come "innegabilmente dannosa", basandosi su di un rapporto sul tabacco realizzato da Americani per l'OMS. A luglio, era l'intera professione, oltre l'80% degli specialisti del tabacco, a opporsi a queste affermazioni dell'OMS. ".

"La sigaretta elettronica è sul mercato dal 2010, quindi è ancora poco tempo per trarre conclusioni. Improvvisamente, sembrando provenire dal nulla, appare un focolaio di 400 casi di gravi lesioni polmonari con 6 morti. L'epidemia è brutale e localizzata. Faccio parte di un'alleanza globale contro il tabacco. Non appena scoppiò l'epidemia negli Stati Uniti, fu emesso un allarme per identificare rapidamente casi simili in altre parti del mondo. Per il momento, non ce n'è ancora nessuno. Non c'è da stupirsi, poiché le prime indagini hanno mostrato molto rapidamente che, in oltre l'80% dei casi, i malati negli Stati Uniti hanno deviato l'uso della loro sigaretta elettronica per mettere prodotti oleosi contenenti THC (il molecola attiva di cannabis) nei liquidi. Le sigarette elettroniche non sono destinate alla combustione di sostanze oleose che uccidono i polmoni. "

"Il  tabacco uccide metà dei suoi fedeli consumatori, è il peggior prodotto, il più pericoloso prodotto da banco! Non scambiamo la sigaretta elettronica per un nemico!  »- commenta Gerard Dubois

"Dalla prima presunta morte a causa della sigaretta elettronica, lo stesso giorno, altri 1500 fumatori sono morti di tabacco negli Stati Uniti, 22.000 in tutto il mondo! Quindi sì, la sigaretta elettronica è ancora una buona idea. Se guardiamo alla sua storia, non è stata creata dai medici o dall'industria farmaceutica. È un cittadino cinese che l' ha creata dopo la morte di suo padre per cancro ai polmoni. La sigaretta elettronica è il risultato di un genio dell'hacking che parte da una semplice osservazione: cosa uccide? il tabacco? La combustione del tabacco produce monossido di carbonio (infarto) e catrame (cancro). Cosa ti rende dipendente? La nicotina. L'idea era di creare un prodotto che si poteva "fumare" come il tabacco, ma senza sostanze pericolose. Per dirla semplicemente, in una sigaretta elettronica, hai nicotina, mescolata con un liquido non tossico. Una volta riscaldato il liquido, i suoi vapori trasportano la nicotina per inalazione.  "

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.