L'Ireland’s Health and Safety Executive chiede al the State laboratory di testare i prodotti relativi alle sigarette elettroniche per controllare la presenza di nicotina e sostanze chimiche in generale.

L'Ireland’s Health and Safety Executive (HSE) chiede al the State laboratory (istituito nel 1924 per fornire un servizio analitico e di consulenza al governo irlandese) di collaudare e testare le sigarette elettroniche e i liquidi per controllare il loro contenuto di nicotina e sostanze chimiche.

Il laboratorio statale effettua analisi chimiche per una varietà di scopi diversi, compreso il monitoraggio della qualità e della sicurezza dei prodotti alimentari irlandesi e il perseguimento di frodi, ad esempio la vendita di prodotti contraffatti. La preoccupazione sulla sicurezza di tali prodotti cresce in tutto il mondo e mentre nel Regno Unito tutto rimane tranquillo altri stati "spaventati" cercano di ovviare alla possibile situazione statunitense preoccupandosi anticipatamente di qualcosa che, a parer nostro, in Europa non esiste.

La richiesta dell'HSE, la quale richiede al laboratorio che si determini se i prodotti in tutto il paese soddisfano gli standard di sicurezza, arriva pochi giorno dopo l'invito diretto al Governo dell'ex ministro della sanità irlandese "James Reilly" a mettere in atto un divieto di aromatizzazioni come accaduto negli Stati Uniti. 

Nel frattempo, riferendosi ai casi di malattia polmonare negli Stati Uniti, gli esperti di salute del Regno Unito hanno sottolineato di non essere a conoscenza di incidenti simili con prodotti regolamentati. Il responsabile del controllo del tabacco presso Public Health England, Martin Dockrell, ha sottolineato che gli ultimi rapporti hanno collegato i casi all'uso di prodotti al THC illeciti e pertanto i vaper europei possono stare tranquilli.

"Non è ancora disponibile un'indagine completa, ma abbiamo sentito che la maggior parte di questi casi era collegata a persone che utilizzavano liquidi per lo svapo illegale acquistati per strada o fatti in casa, alcuni contenenti prodotti a base di cannabis, come il THC, o cannabinoidi sintetici, come lo Spice".

"A differenza degli Stati Uniti, tutti i prodotti per sigarette elettroniche nel Regno Unito sono rigorosamente regolati per la qualità e la sicurezza dall'Agenzia di regolamentazione per i medicinali e i prodotti sanitari ". - ha concluso Dockrell.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.

  

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche