L'iniziativa coraggiosa ha raccolto i primi risultati evidenziando come i tassi di fumo nei siti ospedalieri si sono abbassati notevolmente. 

Il General Hospital di Sandwell e il City Hospital di Birmingham hanno recentemente introdotto, al loro interno, negozi di vaporizzatori per ridurre i tassi di fumo. L'iniziativa coraggiosa ha raccolto i primi risultati evidenziando come i tassi di fumo nei siti ospedalieri si sono abbassati notevolmente. L'ospedale Diana Princess of Wales di Grimsby ha, inoltre, pubblicizzato i vantaggi delle sigarette elettroniche all'interno delle aree fumatori.

Il dott. David Carruthers ha dichiarato:

“Il Trust's Board, dei nostri leader clinici, sono uniti nell'idea che il fumo uccida. Data questa semplice verità, non possiamo più sostenere il fumo. Ogni alternativa è disponibile e chiediamo a visitatori e pazienti di lavorare con noi per applicare questi cambiamenti. Smettere di fumare ti fa risparmiare denaro e fa bene alla salute. Niente più fumo passivo sui nostri siti è una necessità per la salute pubblica. "

Il successo della misura intrapresa dalle due aziende ospedaliere è evidenziata dall'emissione di sole 6 multe da quando è entrato in vigore il divieto di fumo e la realizzazione di negozi di vaporizzatori al loro interno anche se inizialmente sono stati accusati di adottare una politica di guadagno proprio in riferimento alle multe poste in essere. 

L'amministratore delegato Toby Lewis ha dichiarato:

“Continuiamo a far rispettare il nostro divieto di fumo anche nelle auto parcheggiate sul terreno dei siti ospedalieri. Il nostro team di sicurezza e il personale hanno trovato diverse persone sorprese a fumare sul posto e dall'introduzione del divieto abbiamo emesso sei multe ".

Scott Crosby, Public Health England, ha sottolineato che "l'azione intrapresa mira a raccogliere supporto e trovare continuamente modi per migliorare la salute non solo dei pazienti ma degli utenti in generale".

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.

 

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche