Spagna: "Campagna pubblicitaria contro il tabacco e le sigarette elettroniche" (Video)

Il Ministero della salute, del consumo e del benessere sociale ha iniziato alcune settimane fa una campagna pubblicitaria contro il fumo comprese le sigarette elettroniche. 

Il Ministero della salute, del consumo e del benessere sociale ha iniziato alcune settimane fa una campagna pubblicitaria contro il fumo. Questa azione è stata fornita con un budget di 1 milione di euro ed è stata realizzata dall'agenzia creativa Quality Media.

Questa campagna "Il tabacco ti lega e ti uccide. In tutte le sue forme" , ha incluso lo svapo come un altro modo di fumare tabacco, ed ha generato la protesta di uno dei produttori di tali dispositivi "MyBlu".

L'annuncio mirava  a "promuovere atteggiamenti di vita sana" e "prevenire nuove forme di consumo", tra cui citate sigarette, sigarette elettroniche e riscaldatori di tabacco. Dopo aver elencato queste opzioni, l'annuncio termina con la frase: «Non lasciarti ingannare, il tabacco ti lega e ti uccide. In tutte le sue forme » .

Da questo  MyBlu ha richiesto il ritiro o la modifica della campagna tramite una lettera inviata alla Commissione Pubblicità e Comunicazione Istituzionale, un'agenzia del Ministero della Presidenza del governo della Spagna.

Secondo quando dichiarato a Dircomfidencial.com, MyBlu sostiene che la suddetta campagna "non è veritiera" e "i loro messaggi possono portare a errori", perché le sigarette elettroniche "non contengono tabacco". Pertanto il messaggio trasmesso dalla campagna ( "lo svapo è un modo di consumare tabacco" ) è "contrario al diritto costituzionale di ricevere informazioni veritiere" , con l'aggravante - precisa MyBlu - che proviene da un ente pubblico.

Tuttavia, nella sua risposta, la Commissione respinge la richiesta di MyBlu , poiché ritiene che il motto con cui termina l'annuncio - e che collega lo svapo al tabacco - "non può essere esaustivo , ma di natura sintetica" , a causa alle "esigenze della lingua della campagna".

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.

  

Spagna:

Spagna: "Campagna pubblicitaria contro il tabacco e le sigarette elettroniche" (Video)

Il Ministero della salute, del consumo e del benessere sociale ha iniziato alcune settimane fa una campagna pubblicitaria contro il fumo comprese le sigarette elettroniche. 

Il Ministero della salute, del consumo e del benessere sociale ha iniziato alcune settimane fa una campagna pubblicitaria contro il fumo. Questa azione è stata fornita con un budget di 1 milione di euro ed è stata realizzata dall'agenzia creativa Quality Media.

Questa campagna "Il tabacco ti lega e ti uccide. In tutte le sue forme" , ha incluso lo svapo come un altro modo di fumare tabacco, ed ha generato la protesta di uno dei produttori di tali dispositivi "MyBlu".

L'annuncio mirava  a "promuovere atteggiamenti di vita sana" e "prevenire nuove forme di consumo", tra cui citate sigarette, sigarette elettroniche e riscaldatori di tabacco. Dopo aver elencato queste opzioni, l'annuncio termina con la frase: «Non lasciarti ingannare, il tabacco ti lega e ti uccide. In tutte le sue forme » .

Da questo  MyBlu ha richiesto il ritiro o la modifica della campagna tramite una lettera inviata alla Commissione Pubblicità e Comunicazione Istituzionale, un'agenzia del Ministero della Presidenza del governo della Spagna.

Secondo quando dichiarato a Dircomfidencial.com, MyBlu sostiene che la suddetta campagna "non è veritiera" e "i loro messaggi possono portare a errori", perché le sigarette elettroniche "non contengono tabacco". Pertanto il messaggio trasmesso dalla campagna ( "lo svapo è un modo di consumare tabacco" ) è "contrario al diritto costituzionale di ricevere informazioni veritiere" , con l'aggravante - precisa MyBlu - che proviene da un ente pubblico.

Tuttavia, nella sua risposta, la Commissione respinge la richiesta di MyBlu , poiché ritiene che il motto con cui termina l'annuncio - e che collega lo svapo al tabacco - "non può essere esaustivo , ma di natura sintetica" , a causa alle "esigenze della lingua della campagna".

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.