Tikki Pang: "L'OMS sbaglia, le sigarette elettroniche sono del 90% meno dannose del fumo"

Prof. Tikki Pang, della Lee Kaun Yew School of Public Policy ed ex direttore WHO: "Ho trovato molto convincenti gli studi sulle sigarette elettroniche, possono aiutare nella lotta contro il fumo".

Intervistato da Shahid Akhter, direttore di ETHealthworld, il Prof. Tikki Pang, della Lee Kaun Yew School of Public Policy di Singapore, sui sistemi di somministrazione di nicotina ha chiarito la sua personale opinione spiegando che:

"Negli ultimi 3 o 4 anni, ho trovato la scienza molto convincente, questi prodotti possono davvero aiutare nella lotta per ridurre il fumo. Ci sono tre punti principali. Questi prodotti alternativi sono circa il 90% meno dannosi delle sigarette e sono stati molto efficaci nell'aiutare le persone a smettere di fumare. Nel Regno Unito, si stima che circa 40.000 a 70.000 persone ogni anno smettano perché assumono prodotti alternativi, in particolare sigarette elettroniche."

"Penso che abbiamo fatto molti progressi negli ultimi 15 o 16 anni. C'è molta più consapevolezza del danno che può derivare dal fumo di una sigaretta . I governi hanno adottato molte misure per cercare di ridurre l'epidemia di fumo."

"Tuttavia, nonostante tutti i progressi, molti paesi nel mondo hanno ancora problemi molto significativi e circa 6-7 milioni di persone muoiono ogni anno a causa del fumo. Abbiamo fatto molti progressi rispetto a dire 15 anni fa, ma c'è ancora molto lavoro da fare."

Tikki Pang è entrato a far parte della Lee Kuan Yew School of Public Policy dopo 13 anni di lavoro presso l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) a Ginevra, in Svizzera, come direttore del dipartimento Politiche di ricerca e cooperazione. In tale veste ha collaborato con i paesi per rafforzare i loro sistemi nazionali di ricerca sanitaria, ha sviluppato meccanismi e iniziative per migliorare l'efficienza e la trasparenza della ricerca sanitaria globale e ha contribuito a formulare una politica di ricerca a livello di organizzazione. Prima della sua carriera presso l'OMS, Tikki era professore di scienze biomediche presso l'Istituto di studi post-laurea e ricerca e professore associato / docente presso la facoltà di medicina dell'Università di Malaya, Kuala Lumpur, Malesia.

"È un tipo molto misto di situazione in cui ci sono paesi molto progressisti come il Regno Unito e la Nuova Zelanda in cui le autorità sanitarie pubbliche del governo hanno assunto un ruolo molto favorevole nel promuovere l'uso di questi prodotti alternativi per contribuire a ridurre la prevalenza del fumo nei loro paesi. D'altra parte, paesi estremi, come l'India, hanno adottato un atteggiamento piuttosto negativo e hanno vietato questi prodotti alternativi".

"Sfortunatamente, la posizione dell'OMS è piuttosto negativa. Fondamentalmente dicono che non credono che la scienza sia abbastanza convincente tanto da dare per scontato che questi prodotti possano effettivamente aiutare le persone a smettere di fumare o siano sono meno dannose delle sigarette".

"Questo è deludente per me come ex direttore dell'OMS, ma sono ottimista e spero in futuro che cambino la loro posizione perché tale posizione è assolutamente importante in quanto i paesi, in particolare i paesi in via di sviluppo, guardano molto all'OMS su questioni legate alla salute".

"Direi che sarebbe giusto adottare un approccio razionale e disporre di regolamenti proporzionati al rischio. Sfortunatamente, l'OMS ha anche proposto una sorta di raccomandazione che questi prodotti alternativi dovrebbero essere trattati allo stesso modo dei prodotti del tabacco, ma è sbagliato. Ad esempio, in Indonesia, vengono tassati nella stessa misura delle sigarette, questo non è corretto perché questi prodotti sono meno dannosi del 95% e li rendono più accessibili ai fumatori che provengono principalmente da un gruppo a basso reddito. Se le tassate al 57% queste persone non sono in grado di permettersele e non sono proporzionate al rischio".

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.

  

Tikki Pang:

Tikki Pang: "L'OMS sbaglia, le sigarette elettroniche sono del 90% meno dannose del fumo"

Prof. Tikki Pang, della Lee Kaun Yew School of Public Policy ed ex direttore WHO: "Ho trovato molto convincenti gli studi sulle sigarette elettroniche, possono aiutare nella lotta contro il fumo".

Intervistato da Shahid Akhter, direttore di ETHealthworld, il Prof. Tikki Pang, della Lee Kaun Yew School of Public Policy di Singapore, sui sistemi di somministrazione di nicotina ha chiarito la sua personale opinione spiegando che:

"Negli ultimi 3 o 4 anni, ho trovato la scienza molto convincente, questi prodotti possono davvero aiutare nella lotta per ridurre il fumo. Ci sono tre punti principali. Questi prodotti alternativi sono circa il 90% meno dannosi delle sigarette e sono stati molto efficaci nell'aiutare le persone a smettere di fumare. Nel Regno Unito, si stima che circa 40.000 a 70.000 persone ogni anno smettano perché assumono prodotti alternativi, in particolare sigarette elettroniche."

"Penso che abbiamo fatto molti progressi negli ultimi 15 o 16 anni. C'è molta più consapevolezza del danno che può derivare dal fumo di una sigaretta . I governi hanno adottato molte misure per cercare di ridurre l'epidemia di fumo."

"Tuttavia, nonostante tutti i progressi, molti paesi nel mondo hanno ancora problemi molto significativi e circa 6-7 milioni di persone muoiono ogni anno a causa del fumo. Abbiamo fatto molti progressi rispetto a dire 15 anni fa, ma c'è ancora molto lavoro da fare."

Tikki Pang è entrato a far parte della Lee Kuan Yew School of Public Policy dopo 13 anni di lavoro presso l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) a Ginevra, in Svizzera, come direttore del dipartimento Politiche di ricerca e cooperazione. In tale veste ha collaborato con i paesi per rafforzare i loro sistemi nazionali di ricerca sanitaria, ha sviluppato meccanismi e iniziative per migliorare l'efficienza e la trasparenza della ricerca sanitaria globale e ha contribuito a formulare una politica di ricerca a livello di organizzazione. Prima della sua carriera presso l'OMS, Tikki era professore di scienze biomediche presso l'Istituto di studi post-laurea e ricerca e professore associato / docente presso la facoltà di medicina dell'Università di Malaya, Kuala Lumpur, Malesia.

"È un tipo molto misto di situazione in cui ci sono paesi molto progressisti come il Regno Unito e la Nuova Zelanda in cui le autorità sanitarie pubbliche del governo hanno assunto un ruolo molto favorevole nel promuovere l'uso di questi prodotti alternativi per contribuire a ridurre la prevalenza del fumo nei loro paesi. D'altra parte, paesi estremi, come l'India, hanno adottato un atteggiamento piuttosto negativo e hanno vietato questi prodotti alternativi".

"Sfortunatamente, la posizione dell'OMS è piuttosto negativa. Fondamentalmente dicono che non credono che la scienza sia abbastanza convincente tanto da dare per scontato che questi prodotti possano effettivamente aiutare le persone a smettere di fumare o siano sono meno dannose delle sigarette".

"Questo è deludente per me come ex direttore dell'OMS, ma sono ottimista e spero in futuro che cambino la loro posizione perché tale posizione è assolutamente importante in quanto i paesi, in particolare i paesi in via di sviluppo, guardano molto all'OMS su questioni legate alla salute".

"Direi che sarebbe giusto adottare un approccio razionale e disporre di regolamenti proporzionati al rischio. Sfortunatamente, l'OMS ha anche proposto una sorta di raccomandazione che questi prodotti alternativi dovrebbero essere trattati allo stesso modo dei prodotti del tabacco, ma è sbagliato. Ad esempio, in Indonesia, vengono tassati nella stessa misura delle sigarette, questo non è corretto perché questi prodotti sono meno dannosi del 95% e li rendono più accessibili ai fumatori che provengono principalmente da un gruppo a basso reddito. Se le tassate al 57% queste persone non sono in grado di permettersele e non sono proporzionate al rischio".

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.

  

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche