Il sesto rapporto indipendente sulle sigarette elettroniche di Public Health England (PHE), commissionato dai ricercatori del King's College di Londra, è stato pubblicato oggi (mercoledì 4 marzo 2020) insieme a nuovi consigli PHE sullo svapo nei trust sulla salute mentale del SSN.

Il rapporto fornisce un aggiornamento sull'uso delle sigarette elettroniche con nicotina tra i giovani e gli adulti e le percezioni pubbliche della nocività dello svapo. Dà anche uno sguardo approfondito alle prove sull'uso di sigarette elettroniche nelle persone con condizioni di salute mentale e donne in gravidanza.

L'uso attuale delle e-cig è rimasto stabile negli adulti e nei giovani dall'ultimo rapporto. Desta preoccupazione il numero crescente di fumatori che ora credono che lo svapo sia più dannoso del fumo. Ciò non è in linea con le affermazioni degli esperti del Regno Unito e degli Stati Uniti che concludono che l'uso di prodotti , come le sigarette elettroniche, con nicotina regolamentati è molto meno dannoso del fumo.

Il consiglio di Public Health England - PHE - rimane che i fumatori dovrebbero passare alle sigarette elettroniche per aiutarli a smettere di fumare, ma i non fumatori non dovrebbero iniziare ad utilizzarle.

Le sigarette elettroniche sono molto meno dannose del tabacco ma non sono completamente sicure, continua il rapporto, e contengono sostanze chimiche significativamente meno dannose che causano malattie legate al fumo, ma l'impatto a lungo termine dell'uso delle sigarette elettroniche rimarrà sconosciuto ancora per qualche tempo.

La convinzione errata che le sigarette elettroniche siano più dannose del fumo è cresciuta rapidamente tra i fumatori britannici dopo lo scoppio delle lesioni polmonari negli Stati Uniti nell'autunno 2019 anche se le autorità hanno confermato che la vitamina E acetato, un agente addensante aggiunto ai prodotti al THC, ne era la causa primaria; oltremodo questa sostanza è vietata nei prodotti regolati dal Regno Unito.

Il rapporto identifica la necessità di un monitoraggio continuo delle percezioni pubbliche, poiché i ricercatori temono che i fumatori siano scoraggiati dai timori per la sicurezza dell'uso delle sigarette elettroniche per smettere, avvertendo, inoltre, che un divieto sui liquidi aromatizzati potrebbe anche dissuadere alcuni fumatori dal passare completamente alle sigarette elettroniche. I fumatori dovrebbero continuare a essere incoraggiati a provare i prodotti, regolamentati, insieme ad altri aiuti per smettere di fumare coadiuvati dal supporto comportamentale, per aumentare le possibilità di smettere con successo.

Esamina anche gli studi riguardanti le sigarette elettroniche tra le persone con problemi di salute mentale e le donne in gravidanza, due dei gruppi tra i quali il governo sta concentrando i suoi sforzi per ridurre i tassi di fumo, come stabilito nel Piano di controllo del tabacco per l'Inghilterra. Esaminando gli attuali studi, tra le persone con condizioni di salute mentale, hanno scoperto che una piccola quantità di ricerche dimostrano che le e-cig possono ridurre il fumo, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche.

I ricercatori hanno anche esaminato la letteratura disponibile relativa alle donne in gravidanza e hanno constatato che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere la prevalenza, la sicurezza e l'efficacia dell'uso delle sigarette elettroniche in gravidanza. Nel frattempo, gli operatori sanitari dovrebbero utilizzare i consigli attualmente disponibili sull'uso delle sigarette elettroniche per proporre tali dispositivi.

Il professor John Newton, direttore presso Public Health England, ha commentato:

"È preoccupante vedere quanto l'epidemia di malattia polmonare negli Stati Uniti abbia influenzato le opinioni dei fumatori sulle sigarette elettroniche qui nel Regno Unito. I timori per la sicurezza potrebbero scoraggiare molti fumatori dal passare, portandoli ad anni di cattiva salute e morte precoce a causa del fumo. Le autorità statunitensi hanno ora confermato che la vitamina E acetato, un agente addensante aggiunto al liquido di svapo alla cannabis, è stata la causa principale dell'epidemia statunitense. Questa sostanza è vietata nei prodotti di svapo di nicotina regolati dal Regno Unito."

"Le sigarette elettroniche sono molto meno dannose del fumo, il che provoca 220 morti premature al giorno in Inghilterra. Il nostro consiglio rimane che per chiunque fumi tabacco, la cosa più importante è smettere del tutto di fumare e le sigarette elettroniche possono essere un modo efficace per aiutare i fumatori a farlo."

"I nostri nuovi consigli sullo svapo nei trust per la salute mentale rappresentano un importante passo in avanti nel consentire ai professionisti sanitari di parlare in modo più sicuro con i loro pazienti dei vantaggi dell'utilizzo delle sigarette elettroniche per smettere di fumare. Questo consiglio è un altro passo verso l'obiettivo generale di una generazione senza fumo."

Chris Whitty, Chief Medical Officer for England, ha dichiarato:

"La cosa migliore che un fumatore può fare per la propria salute è smettere di fumare completamente. Le sigarette elettroniche possono aiutare alcune persone a smettere di fumare e rappresentano un'alternativa più sicura."

"La presente relazione costituisce un ulteriore gradito contributo alla creazione di prove su un'importante area di politica pubblica ed evidenzia la sfida di massimizzare le opportunità offerte dalle sigarette elettroniche e gestire i rischi associati alla nicotina."

La professoressa Ann McNeill, professore al King's College di Londra, e autore principale del rapporto, ha dichiarato:

"Attualmente è molto difficile per i fumatori dare un senso ai numerosi rapporti contraddittori sugli impatti dello svapo e del fumo. Nella nostra recensione presentiamo prove che suggeriscono in Inghilterra che lo svapo non ha minato il declino del fumo negli adulti e, per i giovani, lo svapo è concentrato principalmente in coloro che si stavano già dilettando nel fumo di sigaretta. Tuttavia, dobbiamo rimanere vigili e garantire che i prodotti di svapo, insieme alle sigarette normali, non siano facilmente accessibili ai giovani."

PHE ha commissionato una revisione completa delle prove sulla sicurezza delle sigarette elettroniche, che sarà pubblicata nel 2022. Il King's College di Londra lavorerà con molteplici ricercatori del Regno Unito e degli Stati Uniti  per condurre questa nuovo rapporto.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.