Il produttore di prodotti per tabacco Altria ha messo a punto una tecnologia per ridurre i livelli di nicotina nelle sigarette...

Lo scorso luglio la FDA indica i piani di riduzione della nicotina nelle sigarette tradizionali e la Marlboro maker Altria Group Inc. ha messo a punto metodologie di produzione di sigarette che sarebbe conformi ai piani.

Scott Gottlied, commissario FDA, - si legge nel web -  ha dichiarato che il piano tende a ridurre i livelli di nicotina per diminuire la dipendenza anche se non è la nicotina a far male ma gli agenti cancerogeni presenti nella combustione del tabacco. Ma si avrà tempo fino al 2022 per adeguarsi al nuovo piano.

Jack Russo, analista di Edward Jones & Co., ha dichiarato che questa "nuova frontiera" porterà le aziende produttrici ad adeguarsi e a sviluppare prodotti innovativi e di certo più sicuri.

Marlboro maker Altria Group Inc. anticipa il 2022

La "Marlboro maker Altria Group Inc." oltre ad essere leader nel mercato della vendita di sigarette tradizionali ha da poco tempo cercato di essere leader anche nel mercato delle sigarette elettroniche (vedi IQOS classificata come prodotto HNB) ma sopratutto ha sviluppato una tecnologia per la produzione di sigarette a ridotto contenuto di nicotina (RNC). Atria dichiara inoltre che la produzione di prodotti innovativi in alternativa al fumo tradizionale è una cosa per loro primaria in quanto la regolamentazione FDA è da loro pienamente sostenuta.

La produzione e lo studio di RNC ( o alternative al tabacco ) è stata già resa nota e creerà - secondo ATRIA - un nuovo asse di concorrenza usando prodotti innovativi che hanno un rischio ridotto e che possano portare - inoltre - alla riduzione e cessazione dei fumatori.

L'allerta degli esperti.

Esperti di sanità pubblica come il Dottor Nancy Kass dell'Università Johns Hopkins, - come si legge sempre dal web - ha sottolineato come la reazione ai prodotti RNC da parte dei fumatori potrebbe non essere prevalentemente positiva , in quanto l'utilizzo del ridotto contenuto di nicotina potrebbe portare il fumatore a fumare di più proprio per arrivare alla dose giornaliera richiesta e successivamente portare l'organismo all'assimilazione di sostanze chimiche tossiche in quantità maggiori rispetto ad oggi.

Di contro, un articolo del Dottor. Carrie Wade responsabile della politica di riduzione del danno per l'istituto R. Street ha affermato che l'RNC porta all'inalazione e la quindi l'assimilazione - nell'ambiente -  di minor fumo e quindi minori voglie tra chi vuole smettere di fumare, quindi potrebbe essere un fatto positivo l'inserimento di tali prodotti nel mercato.


[Vapingpost.com - https://www.vapingpost.com/2017/11/06/altria-develops-technology-to-reduce-nicotine-in-cigarettes/ - Settembre 2017]