Diminuzione del tabagismo e aumento dell'utilizzo di strumenti a rischio ridotto. In Francia si ha un caso del 19% sulle vendite di sigarette.

In Francia l'aumento del costo delle sigarette, la quale prospettiva entro il 2020 porterebbe il tutto a circa 10 € a pacchetto, iniziato a novembre sta riducendo drasticamente le vendite ma non solo. Gli approvvigionamenti dei tabacchi - per esempio - a marzo 2018 sono diminuite del 19% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente secondo "Seita" (SEITA - Société d'exploitation industrielle des tabacs et des allumettes  - era l'ex monopolio del tabacco di proprietà dello stato francese. Si è fuso nel 1999 con il suo equivalente spagnolo , Tabacalera , per formare Altadis ).

Questo evidenzia - secondo un articolo del giornale economico "Le Echos" - lo stato del mercato non solo delle sigarette ma anche dei sostituti del tabacco e della nicotina comprendendo in esso la loro evoluzione; in effetti, come evidenzia l'articolo, la stragrande maggioranza cercano anche modi per sbarazzarsi o limitare il consumo di tabacco e di conseguenza di sigarette, tutto al pro dei dispositivi elettronici o metodi alternativi.

Secondo L'Osservatorio francese delle droghe e tossicodipendenze (OFDT) il 2017 è stato l'anno più importante per l'eliminazione del vizio del tabagismo tramite compresse, spray, cerotti, inalatori e sigarette elettroniche; prodotti acquistati per la maggior parte in farmacia grazie agli incentivi programmati dall'ex ministro della Sanità "Marisol Touraine" che aveva triplicato il pacchetto dei rimborsi per i sostituti del tabacco a 150 €.

Il ministro di salute attuale, Agnes Buzyn, ha annunciato che le terapie di sostituzione saranno rimborsate come qualsiasi altro farmaco. Inoltre, l'implementazione di servizi di assistenza sanitaria, soprattutto nelle scuole superiori, dovrebbe aumentare il potenziale delle campagne antifumo non appena inizierà il prossimo anno scolastico.

L'impatto di questa notizia sulla percentuale di fumatori giornalieri sarà noto precisamente a maggio, con la pubblicazione di un report ufficiale. I vari piani del tabacco hanno appena ridotto la prevalenza del fumo, dal 30% nel 2000 al 28,7% nel 2016. La Francia è seriamente dietro l'Inghilterra o la Germania. Tuttavia, nel marzo 2017, il sondaggio di Escapad ha rivelato un forte calo del fumo giovanile: la percentuale di fumatori giornalieri all'età di 17 anni è scesa dal 32,4% nel 2014 al 25,1% quattro anni più tardi, il tutto a favore degli strumenti di riduzione del danno.

 

 

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche