Torna a parlare il professore associato "Colin Mendelsohn" sull'obbligo etico di presentare le sigarette elettroniche come metodo per smettere di fumare.

Dopo esser intervenuto più volte sottolineando che i fumatori dovrebbero avere accesso ai prodotti a rischio ridotto che potrebbero dare un'alternativa al fumo tradizionale e dopo aver colpevolizzato i regolamenti presenti in Australia che porterebbero il fumatore a non scegliere tali prodotti, una pubblicazione dello stesso Colin Mendelsohn, professore associato  sul Journal of Internal Medicine del Royal Australian College of Physicians pone una revisione sulle prove scientifiche sulle sigarette elettroniche.

Sulla base del crescente numero di dati a supporto dell'efficacia delle sigarette elettroniche nei mezzi per smettere di fumare, tale pubblicazione, suggerisce che dovrebbero essere raccomandati come alternativa meno dannosa alle sigarette tradizionali sopratutto nei pazienti che hanno ripetutamente provato con altri metodi a smettere.

Il prof. Mendelsohn cita studi recenti sulle popolazioni statunitensi e britanniche - dove le e-cig sono legali e ampiamente disponibili - che hanno dimostrato che lo svapo è associato ai più alti tassi di successo nello smettere di fumare rispetto a coloro che non utilizzano tali dispositivi, in quanto l'uso quotidiano è nettamente più efficace rispetto all'uso intermittente. Lui stesso nella pubblicazione cita:

  • Il rapporto del 2016 del Royal College of Physicians nel Regno Unito che ha concluso che il rischio per la salute derivante dal vaping a lungo termine era improbabile che superasse il 5% dei danni provocati dal tabacco da fumo.
  • Un altro studio che ha trovato risultati in una drastica riduzione degli agenti cancerogeni e di altre sostanze tossiche misurate nel sangue e nella saliva degli utilizzatori di sigarette elettroniche, rispetto ai fumatori di tabacco.

Altre ricerche citate da Mendelsohn hanno rilevato che i fumatori che passano allo svapo hanno significativi miglioramenti della salute, tra cui miglioramenti nell'asma, malattia polmonare ostruttiva cronica, pressione arteriosa, salute cardiovascolare, funzionalità polmonare e rischio di polmonite.

"I medici hanno il dovere di prendersi cura della salute", afferma Mendelsohn - "Non dare un'opzione terapeutica legittima che potrebbe prevenire una malattia potenzialmente letale è una violazione di tale obbligo."

"Per i pazienti che hanno ripetutamente omesso di smettere di fumare con le strategie convenzionali, una sigaretta elettronica è un'opzione legittima basata sull'evidenza per ridurre i danni. Il loro uso potrebbe portare a miglioramenti sostanziali della salute pubblica in Australia ", continua

Mentre la commissione generale raccomandava il mantenimento del divieto di uso di nicotina nelle sigarette elettroniche in Australia, il presidente della commissione, membro federale della North Sydney Trent Zimmerman, ha anche pubblicato una relazione dissenziente in cui raccomanda di legittimare la nicotina nelle sigarette elettroniche.

Questo rapporto afferma che permettere alle persone che hanno ripetutamente tentato di smettere di fumare di usare la nicotina nelle e-cig potrebbe salvare "molte migliaia di vite".

Dopo aver smesso di fumare - conclude Mendelsohn - , "è preferibile che le persone mirino a cessare anche di svapare, se possibile entro tre-sei mesi, ma l'uso a lungo termine delle sigarette elettroniche è più sicuro se si dovesse ricadere nel vizio del fumo".

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche