La Federazione Francese di Cardiologia si rivolge ai "piccoli fumatori" ricordando che anche una sigaretta al giorno è pericolosa per il cuore e le arterie.

La Federazione francese di cardiologia (FFC) ha lanciato una campagna di informazione in occasione della Giornata mondiale senza tabacco, che si è svolta questa settimana. 

Parlando del fumo di sigaretta non esiste una soglia di pericolo. Se si fuma una sigaretta e sono fumano tante il rischio cardiovascolare è lo stesso. Fumando occasionalmente - afferma la federazione -  la sigaretta danneggia egualmente il cuore e le arterie come un grande fumatore ed inoltre il fumo passivo è una forte minaccia per la salute aumentando il rischio di infarto del 25%..

"Per proteggerci dai misfatti del tabacco, la riduzione del consumo non è sufficiente, dobbiamo fermare ogni esposizione " , commenta il professor Daniel Thomas , presidente onorario della FFC e vicepresidente dell'Alleanza contro tabacco. 

Nel breve periodo - commenta sempre Thomas - il fumo può causare spasmi delle arterie, vale a dire un improvviso restringimento di quest'ultime, la formazione di coaguli e l'insorgenza di disturbi del ritmo cardiaco. Nel lungo termine, è il graduale degrado delle arterie che minaccia il fumatore. Se esposto ad altri fattori di rischio come il colesterolo in eccesso, il diabete o l'ipertensione, questo fenomeno può essere aumentato.

Per il professor Daniel Thomas, sono necessari provvedimenti immediati: 

"Circa il 70% dei fumatori vuole smettere, hanno bisogno di aiuto. Uscire da una dipendenza è difficile, non è solo un problema di volontà, ci vuole motivazione e aiuto."   Diversi metodi si sono dimostrati efficaci: cerotti, inalatori, farmaci aiutano con ritiro o l'ipnosi. ". "Non mettere in evidenza la sigaretta elettronica come strumento di riduzione e di aiuto è inaccettabile" .

Secondo il professor Bertrand Dautzenberg , pneumologo presso la Pitié-Salpêtrière e Presidente di "Parigi senza tabacco", la Francia potrebbe portare a una generazione di non fumatori prima di 2034.