Arriva subito la smentita di Colin Mendelsohn sullo studio pubblicato ieri (22 agosto 2018) che ha destato molti sospetti in quanto appoggiato da Stanton Glantz (attivista anti-vape).

Pubblicato sul quotidiano medico "Science Daily" lo studio (effettuato con un sondaggio di circa 70.000 persone) dimostrerebbe che l'uso di sigarette elettroniche giornaliero può quasi raddoppiare le probabilità di un infarto. 

Lo studio (qui nel dettaglio) spiega come:

"Mentre le persone possono pensare che stanno riducendo i rischi per la salute, abbiamo scoperto che il rischio di attacco di cuore usando le sigarette elettroniche aumenta quasi quanto fumare sigarette", ha detto Glantz. "L'uso di entrambi i prodotti contemporaneamente è peggiore rispetto all'utilizzo di uno dei due separatamente. Se si continua a fumare ogni giorno mentre si usano le sigarette elettroniche aumenta le probabilità di un attacco di cuore di ben 5 volte.".

"Mentre le sigarette elettroniche forniscono livelli più bassi di sostanze cancerogene rispetto alle sigarette tradizionali, forniscono ,entrambe, delle particelle ultrafini - che sono da 1/50 a 1/100 della dimensione di un capello umano - e altre tossine che sono state collegate a un aumento cardiovascolare e non rischi di malattia polmonare del cancro."

I ricercatori hanno scoperto che le probabilità totali di avere un infarto erano pressoché le stesse per coloro che continuavano a fumare sigarette ogni giorno come coloro che passavano all'uso quotidiano di sigarette elettroniche. Per coloro che hanno usato entrambi i prodotti ogni giorno, le probabilità di avere avuto un attacco di cuore sono state di 4,6 volte rispetto a quelle di persone che non avevano mai usato nessuno dei due prodotti.

La ricerca ha anche scoperto che il duplice uso di sigarette elettroniche e sigarette convenzionali - il modello di utilizzo più comune tra gli utenti di sigarette elettroniche - sembra essere più pericoloso rispetto all'utilizzo di entrambi i prodotti - forse - usati singolarmente.

Il Dott. Colin Mendelsohn ha subito smentito su twitter:

"VERGOGNOSO! Il Prof Glantz sostiene uno studio dimostrando che  le sigarette elettroniche portano ad un doppio rischio di attacco cardiaco. Lo studio non trova nulla del genere! Mostra che i sopravvissuti ad un infarto sono più propensi a usare le sigarette elettroniche per uscire e cessare di fumare. Impossibile stabilire un nesso causale. Nessuna meraviglia che l'utente sia confuso."

 

Segui il disclamer dei contenuti presenti sul blog.