La smentita arriva direttamente da ATHRA con un comunicato che evidenzia i risultati fuorvianti e l'inesattezza di utilizzo dei topi come strumento di ricerca.

Lo studio (pubblicato nel "Journal of Physiology"), che viene smentito, proviene dal US Geisel School of Medicine (Dartmouth) che suggerisce che le sigarette elettroniche e la terapia sostitutiva con nicotina durante la gravidanza può aumentare il rischio di morte improvvisa del neonato specialmente in donne con deficit di serotonina (ormone della felicità).

Lo studio, condotto nei ratti, rivela che l'esposizione dei topi alla nicotina ne compromette la capacità respiratoria, soprattutto quando hanno una carenza di serotonina. Gli autori dello studio lo suggeriscono che l'esposizione materna alla nicotina pone i neonati a vulnerabilità, come un lieve deficit di 5-HT, ad alto rischio di grave ipossia, anossia e asfissia. 

La smentita arriva repentinamente da ATHRA (Associazione Australiana per la riduzione del danno) dove specifica che i risultati ed il titolo non riflettono accuratamente i risultati dello studio stesso.

Un titolo più accurato basato sullo studio sarebbe stato "La nicotina erogata da una pompa osmotica impiantata chirurgicamente può causare una ridotta auto-rianimazione nei cuccioli di roditore neonatale con deficienza di 5-HT midollare".

Si dovrebbe per prima cosa prendere i risultati dello studio ed analizzarli nei minimi particolari:

  • Il test era effettuato su roditori. Non è chiaro se questi cambiamenti avvengano nell'uomo.
  • Non è chiaro se i risultati neurochimici si traducono in un aumento del rischio di morte.
  • La nicotina è stata erogata da una pompa impiantata. Non è chiaro come ciò si riferisca all'inalazione umana della nicotina.
  • Non c'è modo di confrontare la dose di nicotina in questo studio sui ratti con dosi di nicotina usate negli umani in gravidanza dal vaping, NRT e dal fumo.

Secondo il vicepresidente della Fondazione Arnold degli Stati Uniti:

 "Non appena i giornalisti vedono la parola "topo" in uno studio (o" topo "," criceto ", ecc.), Dovrebbero riflettere sul comunicato stampa, cancellare qualsiasi e-mail correlate e rifiutarsi di scrivere un articolo sullo studio."

Questo perché gli studi sugli animali non rendono attendibili i risultati sugli essere umani con sufficiente certezza. Molti studi sugli animali hanno difetti metodologici e usano dosi di esposizione che non sono paragonabili all'uso umano, per non parlare delle ovvie differenze biologiche e genetiche.

I modelli animali possono fornire un'ipotesi per i test sugli esseri umani, ma non sono in grado di prevedere le risposte umane, specialmente in tossicologia e fisiopatologia.

La NRT (terapia sostitutiva) è approvata per l'uso in gravidanza ed è approvata nelle linee guida cliniche australiane. Non ci sono prove di danni al feto umano da parte della NRT e nessuna evidenza di un aumento del rischio di morte del bambino. 

È ampiamente riconosciuto che lo svapo è molto più sicuro del fumo, e questo è probabilmente il caso anche in gravidanza, secondo il gruppo britannico Smoking in Pregnancy Challenge. Anche se la nicotina derivante dal vaping aumenterebbe il rischio di morte del nascituro, i rischi generali per la salute di una fumatrice (in gravidanza) che passa allo svapo sono sostanzialmente ridotti.

Lo studio non ha fatto alcun tentativo di confrontare il rischio della somministrazione di nicotina con il vaping o l'NRT con il fumo. Presentare un livello di rischio non quantificato in isolamento, senza un confronto è privo di significato.

Il Royal College of Physicians del Regno Unito e le National Academies of Sciences degli Stati Uniti hanno entrambi confermato che le sigarette elettroniche sono sostanzialmente meno dannose del fumo e possono aiutare i fumatori a smettere.

Tuttavia, i titoli negativi e allarmisti sul vaping  sono comuni e hanno portato a confusione tra il pubblico e i professionisti della salute. La stessa disinformazione può scoraggiare i medici dal raccomandare l'uso delle sigarette elettroniche per i fumatori che altrimenti continuerebbero a fumare.

La ricerca scientifica deve essere presentata con precisione dagli scienziati e valutata criticamente dai giornalisti prima di essere segnalata al pubblico. I titoli fuorvianti sullo svapo diffondono paura e falsi messaggi e possono infine aumentare la morte e le malattie riducendo l'adozione di un'alternativa molto più sicura al fumo.

Invece di scoraggiare lo svapo, dovremmo seguire il consiglio del  Royal College of Physicians del Regno Unito  e incoraggiarne l'uso appropriato da parte dei fumatori:

"Nell'interesse della salute pubblica è importante promuovere l'uso delle sigarette elettroniche ... il più ampiamente possibile come sostituto del fumo".

 

Segui il disclamer dei contenuti presenti sul blog.