I riscaldatori di tabacco potrebbero non essere l'opzione più sicura rispetto al fumo non supportando la raccomandazione del loro uso rispetto alle sigarette elettroniche.

I riscaldatori di tabacco e le legate ricariche sono tossiche per i polmoni come le sigarette tradizionali ed in misura nettamente maggiore rispetto alle sigarette elettroniche. E' questa la conclusione a cui sono arrivati gli scienziati che hanno, dietro una dettagliata ricerca, dato un valore aggiunto alle molteplici ricerche in campo polmonare come quella effettuata ad agosto dal Prof. Polosa che evidenziata che il danno da tabacco (BPCO) può essere convertito con le sigarette elettroniche.

Questa ricerca, pubblicata dall' European Respiratory Society in occasione congresso internazionale svoltosi a Parigi dal 15 al 19 Settembre 2018 e presentata oltremodo anche durante il #Moissanstabac2018 , metteva il luce gli effetti nocivi dei riscaldatori confrontandoli con le sigarette tradizionali e le sigarette elettroniche. La ricerca presentata, oggi è presente anche in formato pdf per la consultazione. 

L'idea di riscaldare il tabacco è  quella di evitare la combustione, il cui fumo provoca l'inalazione di una moltitudine di agenti molto tossici per il corpo (monossido di carbonio, catrami, nitrosammine, cadmio, idrocarburi policiclici o mercurio ), al fine di vendere un dispositivo "apparentemente" meno dannoso della sigaretta. Per fare questo, il tabacco viene riscaldato a 330° C da un piccolo dispositivo ricaricabile, rilasciando vapore che a detta dei produttori è meno tossico del fumo tradizionale. 

Per valutare questo dispositivo il team (prendendo in considerazione iQOS e non legato a nessuna compagnia relativa al tabacco) ha esposto cellule polmonari a diverse concentrazioni di fumo di sigaretta, vapore elettronico e vapore del riscaldatore. Di conseguenza, il fumo della sigaretta tradizionale ed il vapore del tabacco riscaldato erano molto tossici per i bronchi a tutti i livelli di concentrazione, mentre il vapore della sigaretta elettronica diventava anch'esso tossico ma con livelli di concentrazione nettamente inferiori.

"Emerge, pertanto, che il tabacco riscaldato non è affatto meno tossico per le cellule polmonari rispetto alle sigarette tradizionali e alle sigarette elettroniche. Tutti e tre sono tossici per i polmoni in misure differenti ma il tabacco riscaldato è particolarmente dannoso. Tale danno può portare a malattie mortali come la BPCO, cancro al polmone, polmonite e asma. Pertanto non è un sostituto sicuro." - commentano i ricercatori.

"Gli studi sull'esposizione al vapore delle sigarette elettroniche a lungo termine negli esseri umani sono attualmente scarsi, limitando la nostra comprensione agli effetti diretti sullo sviluppo e sulla progressione della malattia."

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.