Lo studio, effettuato dalla Università di Melbourne, evidenzia come un accesso più facile ai prodotti con nicotina migliora la salute pubblica e riduce i costi del sistema sanitario.

"E altamente probabile che un facile accesso alle sigarette elettroniche con liquidi da inalazione con nicotina potrebbe migliorare la salute pubblica e ridurre i costi del sistema sanitario nazionale"; è quello che evidenzia lo studio, effettuato in una collaborazione tra ricercatori neozelandesi ed australiani, sviluppando un modello in relazione a quello che accadrebbe in Nuova Zelanda, con risultati applicabili anche in Australia.

Pubblicato sulla rivista "Epidemiology", lo studio ha scoperto che il risultato più probabile è un beneficio, per la salute, equivalente all'aggiunta di 19 giorni in più alla vita di ogni neozelandese grazie alla salute che si guadagna cessando l'utilizzo di sigarette convenzionali passando alle elettroniche.

A causa dell'incertezza sull'impatto del consumo di sigarette elettroniche a lungo termine, i guadagni medi per persona variavano dai 2 ai 37 giorni, ma è chiaro che l'impatto generale sulla salute è positivo sotto ipotesi realistiche.

Il probabile risparmio di 3,4 miliardi di dollari (3,29 miliardi di dollari australiani) (370 milioni di dollari - 7,1 miliardi di dollari australiani) è dovuto a un minor numero di persone che sviluppano malattie legate al tabacco perché le sigarette elettroniche sono meno dannose del fumo, sebbene non sono esenti da rischi.

Il Regno Unito e gli Stati Uniti hanno regolamentazioni relativamente liberali sulla vendita di questi prodotti, mentre Australia, Thailandia e Singapore hanno vari divieti. Restrizioni sono state recentemente ridotte in Nuova Zelanda, consentendo agli adulti di accedere ai prodotti con nicotina senza prescrizione medica.

Il professore della University of Melbourne, autore senior dello studio "Tony Blakely", ha confermato che i risultati hanno fornito importanti modelli da seguire per l'Australia. 

"La Nuova Zelanda e l'Australia sono ragionevolmente simili nei tassi di malattia e fumo". "Stimiamo che in Nuova Zelanda il guadagno della salute è equivalente a 19 giorni in più di vita dell'individuo". "Il nostro studio punta su una cauta liberalizzazione delle sigarette elettroniche come miglioramento della vita e l'attuazione di politiche che non dovrebbero essere isolate ma accompagnate da altre norme che rendano più probabile la prospettiva di un aumento, in termini di salute dell'individuo stesso."

I ricercatori raccomandano, pertanto, che le vendite di tali prodotti includano non solo dei consigli di esperti su come usarli e quale dispositivo è migliore per l'utente ma anche la gestione del grado di nicotina che bisognerebbe usare per aumentare la probabilità di cessare con il fumo.

Co-autore e ricercatore dell'Università del Queensland, il professore associato "Coral Gartner", ha detto che i risultati supportano il nuovo approccio normativo della Nuova Zelanda che ha mantenuto i prodotti con nicotina esenti da imposte e meno costosi del fumo.

"Sono necessarie norme, però, che riducano al minimo i rischi di accesso ai minori, comprese le restrizioni sul marketing" e l'attuazione di politiche che rafforzano la gestione delle vendite al dettaglio che sicuramente potrebbero, funzionando in parallelo, ottenere il massimo beneficio pubblico. -  conclude il professore associato Gartner.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.