Un nuovo studio mette in evidenza come esiste una drastica riduzione dell'esposizione alla nicotina del soggetto passivo con l'uso delle sigarette elettroniche.

Una squadra di ricerca delle Università spagnole di Madrid Complutense e Coimbra (Daniel Martín, Miguel Peñín-Ibáñez, Alicia González Gonzálvez, María Jesús Santos-Delgado e Angel González Ureña) hanno pubblicato sull'International Journal of Public Health Research uno studio denominato "On the Passive Exposure to Nicotine from Traditional Cigarettes Versus e-Cigarettes" esaminando il potenziale di esposizione passiva al vapore emesso dalle sigarette elettroniche. 

Analizzando i risultati del precedente studio di Maciej Goniewicz dove si affermava che la concentrazione media di equivalenti totali di nicotina era del 93% inferiore negli utilizzatori di sigarette elettroniche rispetto ai fumatori di sigarette tradizionali, i ricercatori spagnoli hanno confrontato il vapore con il fumo utilizzando una macchina da fumo le cui condizioni sperimentali e il regime del soffio potevano essere adattati per replicare le condizioni della vita reale misurando la potenziale esposizione alla nicotina.

Questo studio riporta la misurazione e il confronto delle esposizioni passive alla nicotina dai fumatori / vapers delle sigarette elettroniche tradizionali delle sigarette elettroniche. A tal fine, è stata costruita una macchina per fumatori le cui condizioni sperimentali possono essere facilmente modificate e in cui la nicotina del fumo o dell'aerosol prodotto è stata intrappolata e ulteriormente analizzata mediante HPLC. I principali risultati del presente lavoro erano (a) il valore medio di nicotina erogato per soffio, era 42 ± 0,3 μg / puff per la sigaretta di combustione e 25 ± 0,2 μg / puff per la sigaretta elettronica, (b) è stata trovata un drastica riduzione dell'esposizione alla nicotina nel soggetto passivo quando il fumatore attivo è stato sostituito dal vaper attivo. Specificamente, a una distanza di 100 cm, il fumatore passivo ha ridotto la sua esposizione alla nicotina da 600 ng / puff a cinque ng / puff quando il soggetto attivo stava svapando una sigaretta elettronica. La conclusione principale dell'indagine è stata la drastica riduzione dell'esposizione alla nicotina del soggetto passivo con l'uso delle sigarette elettroniche invece che delle sigarette convenzionali dal vaper attivo o dal fumatore. Infine, il presente studio suggerisce che l'esposizione alla nicotina sperimentata dal soggetto passivo può seguire una dipendenza quadratica inversa con la distanza dal fumatore o vaper attivo.

Concludendo i ricercatori hanno determinato che: 

 "La conclusione principale dell'indagine è stata la drastica riduzione dell'esposizione alla nicotina del soggetto passivo quando il fumatore di una sigaretta a combustione è stato sostituito dal vaper di una sigaretta elettronica."

"In base a questi risultati, il vaper passivo richiederà di essere circondato da 100 vapers attivi per raggiungere la stessa esposizione alla nicotina, che riceverà da un solo fumatore attivo."

I ricercatori, pertanto, hanno evidenziato come il vapore passivo non è un pericolo per l'utente.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.