Arriva dal Regno Unito un nuovo studio che dimostra l’efficacia della sigaretta elettronica per tutti gli utenti che vogliono smettere di fumare.

L'indagine è stata condotta dalla VPZ la quale ha chiesto a 4.000 persone i loro recenti cambiamenti nello stile di vita, nel la salute e anche il perché abbiano iniziato ad utilizzare la sigaretta elettronica. I risultati hanno sottolineato che quasi il 100% degli intervistati ha smesso di fumare proprio grazie alla sigaretta elettronica.

Questa nuova ricerca arriva in un momento molto importante per il settore che chiede a gran voce di avere una regolamentazione specifica che possa distinguere nettamente la sigaretta elettronica da quella tradizionale invece di essere costantemente paragonata (e in alcuni paesi ritenuta peggiore) di quest’ultima.

La sanità pubblica inglese stima che la sigaretta elettronica sia il 95 per cento meno dannosa di quella tradizionale. Gli ultimi dati mostrano inoltre che circa 2 milioni di persone nel Regno Unito hanno già smesso di fumare passando al vaping, mentre altri 500.000 stanno cercando di cambiare le loro abitudini. Inoltre, Cancer Research UK stima che attualmente ci sono 9,4 milioni di fumatori nel Regno Unito che possono ancora potenzialmente passare alla sigaretta elettronica.

Doug Mutter, Director di VPTM, ha dichiarato:

"I nostri clienti ci dicono sempre quanto il vaping sia di gran lunga il modo migliore per smettere di fumare. I risultati parlano da soli e mostrano il potenziale della sigaretta elettronica per trasformare la salute e il benessere della nazione. Questo ci ha davvero mostrato i cambiamenti più ampi dello stile di vita e i benefici che le persone stanno sperimentando nel passaggio dal fumo tradizionale al vapore."

"Anche l'educazione dei consumatori è fondamentale e una legislazione separata eliminerà distinguerà la sigaretta elettronica da quella tradizionale, dando così la possibilità di creare una nuova legislatura costruita ad hoc per il settore e quindi anche più chiarezza per gli utenti che vogliono smettere di fumare.”

Ancora una volta il Regno Unito si dimostra molto propenso ad adottare nuove vie di comunicazione e ricerca per incentivare l’utilizzo della sigaretta elettronica tra i cittadini inglesi, sicuramente un esempio che in molti (compresa l’Italia) dovrebbero seguire.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.