Lo studio ha indicato che la presenza di mozziconi di sigaretta nel suolo danneggia alcune piante, e soprattutto danneggia l’ecosistema.

"Nonostante sia un comune spettacolo che ospita strade e parchi in tutto il mondo, il nostro studio è il primo a mostrare l'impatto dei mozziconi di sigaretta sulle piante", ha detto l'autrice principale Dannielle Green, Ph.D. "Molti fumatori pensano che i mozziconi di sigaretta si biodegradino rapidamente e quindi lo gettano al suolo con noncuranza. In realtà, il filtro è costituito da un tipo di bioplastica che può richiedere anni, se non decenni per biodegradarsi completamente."

Green e il suo team hanno esaminato tre grandi parchi a Cambridge, in Inghilterra, e hanno trovato una media di 2,6 mozziconi per metro quadrato, con un massimo di 126 nelle aree vicine alle panchine del parco. Al fine di calcolare eventuali danni causati da questi mozziconi, il team ha inserito dei semi di piante che si trovano più comunemente nelle “aree verdi” della città o nelle zone dove viene portato il bestiame, e dei mozziconi di sigaretta in dei contenitori di vetro per analizzare il danno provocato.

"Dopo 21 giorni di monitoraggio abbiamo osservato che i mozziconi di sigaretta, seppur non abbiano danneggiato irreparabilmente le piante, hanno avuto un effetto estremamente negativo sulla loro germinazione".

Nel frattempo, un gruppo di esperti afferma anche che l’utilizzo dei filtri nelle sigarette non porta alcun beneficio ne può ridurre l’assunzione delle sostanze cancerogene presenti all’interno del prodotto. “In definitiva” spiegano i ricercatori “i filtri sono più dannosi per l’ambiente rispetto a quanto siano utili per l’uomo”.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.