Studio Inglese: Il passaggio dalle sigarette tradizionali alle sigarette elettroniche migliora la funzione cardiovascolare dei vasi sanguigni già nel primo mese di utilizzo.

I ricercatori hanno scoperto che il passaggio dalle sigarette tradizionali alle sigarette elettroniche migliora la funzione dei vasi sanguigni già nel primo mese di utilizzo di quest'ultime avvalorando la tesi che i dispositivi siano uno strumento utile e meno nocivo per smettere di fumare confermando, oltremodo, che il loro utilizzo riduce potenzialmente il rischio di infarti ed ictus. 

"Il passaggio dalle sigarette al tabacco alle sigarette elettroniche migliora significativamente la funzione vascolare già in un mese", ha affermato il prof. Jacob George dell'Università di Dundee (in foto), dello studio pubblicato sul Journal of American College of Cardiology.

Lo studio va contro l'ultima ricerca pubblicata secondo cui l'uso di sigarette elettroniche potrebbe compromettere la funzionalità dei vasi sanguigni smentendolo progressivamente. George e colleghi affermano che lo studio è imperfetto sotto molti punti di vista perchè riguardava solo l'impatto di una singola sessione e non sessioni ripetute.

Lo studio "Cardiovascular Effects of Switching From Tobacco Cigarettes to Electronic Cigarettes"  (ad opera dei ricercatori Jacob GeorgeMuhammad HussainThenmalar VadivelooSheila IrelandPippa HopkinsonAllan D. StruthersPeter T. DonnanFaisel Khan and Chim C. Lang, dell’Università di Dundee, in Scozia, e finanziato dalla British Heath Foundation e durato due anni) ha esaminato i dati proveniente da 114 adulti, suddivisi in tre gurppi,  ognuno dei quali fumava almeno 15 sigarette al giorno per almeno due anni ma non presentava segni di cardiovascolare malattia.

Un gruppo conteneva 40 persone che non desideravano smettere di fumare, mentre gli altri due gruppi contenevano 37 persone simili, con un gruppo dotato di dispositivi contenenti nicotina e l'altro con sigarette elettroniche senza nicotina.

Il team ha misurato la funzione dei vasi sanguigni all'inizio dello studio e, dopo un mese, confrontando il diametro dell'arteria prima di applicare un bracciale stretto a un braccio con diametro dell'arteria subito dopo il rilascio del bracciale.

Hanno scoperto che coloro che hanno continuato a fumare sigarette tradizionali hanno mostrato poca differenza nella funzione dei vasi sanguigni nel corso del mese; tuttavia, quelli nei gruppi di svapo hanno avuto un miglioramento relativo di oltre il 20% nella misura ed erano a metà strada per riavere la funzione dei vasi sanguigni alla pari con i non fumatori. Risultati simili sono stati trovati per coloro che passano alle sigarette elettroniche con e senza nicotina.

Ulteriori analisi, tenendo conto di fattori come il sesso, l'età e il modo in cui i partecipanti avevano precedentemente fumato, hanno mostrato che, in media, i partecipanti che erano passati allo svapo avevano un miglioramento di 1,5 punti percentuali nella loro variazione del diametro dell'arteria, rispetto al gruppo che continuava a fumare .

Il team afferma che se un simile miglioramento è stato sostenuto a lungo termine, potrebbe portare importanti benefici per la salute: ricerche precedenti hanno suggerito che un miglioramento di un punto percentuale nella funzione dei vasi sanguigni è collegato a un rischio inferiore del 13% di eventi cardiovascolari.

George ha osservato che le donne sembrano migliorare di più quando passano allo svapo degli uomini, anche se non è chiaro il perché. I benefici erano maggiori quanto più i partecipanti erano restii al passaggio. 

Tuttavia, il team sottolinea che, sebbene lo studio suggerisca che le sigarette elettroniche potrebbe essere meno dannoso delle sigarette di tabacco, non dimostra che i dispositivi siano sicuri.

“Questo studio non mostra che lo svapo sia sicuro; mostra che entro un mese ci sono effetti sul sistema vascolare, il che significa che la tua salute vascolare migliora se sei un fumatore e passi alle sigarette elettroniche” - ha dichiarato il prof. Jeremy Pearson della British Heart Foundation, finanziatore dello studio.

"Non raccomandiamo a nessuno di iniziare a svapare se non fuma", ha concluso.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.