Un nuovo studio irlandese ha esaminato il modo in cui lo svapo si confronta con i non fumatori e i vapers durante la gravidanza. I risultati evidenziano che nessun impatto sul peso è presente anzi è notevolmente migliore rispetto alle madri fumatrici.

Un nuovo studio, che risulta essere il follow up di un'altro studio ad opera degli stessi, condotto da ricercatori del Coombe Women and Infants University Hospital di Dublino e del Royal College of Surgeons in Irlanda ha esaminato il modo in cui lo svapo incide nei non fumatori e nei  vapers durante la gravidanza. Hanno scoperto che lo svapo non ha alcun impatto sul peso alla nascita che risulta essere notevolmente migliore del peso alla nascita delle madri fumatrici.

"Il fumo di sigaretta in gravidanza è un fattore di rischio significativo per la morbilità e la mortalità materna e fetale", scrivono gli autori del documento di ricerca. “Il fumo è stato a lungo associato ad un'aumentata incidenza di aborto spontaneo, morte, distacco di placenta, parto pretermine e basso peso alla nascita. Il fumo di sigaretta è una complessa miscela eterogenea di oltre 4000 composti, tra cui nicotina, monossido di carbonio, sostanze cancerogene e metalli pesanti. "

McDonnell, Dicker e Regan hanno voluto vedere se le future mamme che svapavano stavano mettendo a repentaglio la vita dei loro bambini e avevano incentrato uno studio su un ospedale dove nascono 8500 bambini all'anno.

“L'uso di sigarette elettroniche tra donne in gravidanza è aumentato sostanzialmente negli ultimi anni. Le sigarette elettroniche sono considerate positivamente da molte donne in gravidanza e la ricerca suggerisce che sono percepite come meno dannosi delle sigarette e aiuti utili per smettere di fumare, nonostante le riserve sulla sicurezza e sulla dipendenza dalla nicotina. "

"Gli effetti dell'uso di sigarette elettroniche in gravidanza non sono noti e non ci sono dati sugli esiti ostetrici tra le donne incinte. Il nostro obiettivo era quello di esaminare i risultati ostetrici relativi all'uso della sigaretta elettroniche in gravidanza. Inoltre, abbiamo cercato di determinare se simili fattori sociodemografici si sarebbero applicati in questo gruppo di madri. "

Le donne sono state identificate tramite un sistema di prenotazione elettronico. L'intervista è stata condotta da ostetriche qualificate che hanno utilizzato un questionario standardizzato per valutare le abitudini al fumo registrando se una persona ha mai fumato, l'attuale stato di fumo auto-riferito e se attualmente faceva uso di dispositivi elettronici, quali sigarette elettroniche.

Sono stati confrontate le sole vaper con un gruppo di fumatori e non fumatori. I doppi utenti sono stati considerati come un gruppo separato e sono stati confrontati i pesi alla nascita dei bambini.

"Durante il periodo di studio di 13 mesi sono stati identificati 449 donne in gravidanza utilizzatrici di sole sigarette elettroniche. Di queste, 195 donne erano doppie utilizzatrici di sigarette elettroniche e sigarette, un tasso del 43,4% e 254 donne hanno riferito di un uso esclusivo della sigaretta elettronica in qualsiasi momento della gravidanza. Trentotto donne hanno riferito di non aver mai fumato sigarette, il che rappresenta un tasso di "non fumatori" dell'8,4%. Quattordici donne (5,8%) hanno smesso di usare la sigaretta elettroniche tra il concepimento e la loro prima visita di prenotazione all'inizio del secondo trimestre. "

“Le donne incinte che usano esclusivamente sigarette elettroniche sembrano essere una popolazione distinta da quelle che fumano sigarette. Al momento di questo studio, i consumatori di sigarette elettroniche appartengono a un gruppo socioeconomico più elevato rispetto ai fumatori di sigarette convenzionali, un modello precedentemente visto nel Regno Unito che da allora si è attenuato negli ultimi anni. Hanno una maggiore incidenza di gravidanza pianificata e hanno maggiori probabilità di aver assunto acido folico preconcezionale. Oltre quattro su dieci donne incinte della CE fumano anche sigarette. Questi doppi utenti sembrano essere simili ai fumatori sia in termini demografici che di risultati. "

Il team ha concluso che il peso alla nascita dei neonati nati dalle donne vaper "è simile a quello dei non fumatori" e hanno affermato che era "significativamente maggiore" rispetto ai neonati nati dai fumatori di sigarette. I doppi utenti che fumano e svapano hanno avuto neonati con un peso alla nascita simile a quello dei fumatori.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.

 

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche