C'è un equivoco diffuso che porta a pensare che sia la nicotina la causa delle morti per il fumo. La AVI in India lo sottolinea e vuole portarlo a conoscenza.

Temendo un divieto generalizzato nei confronti delle sigarette elettroniche da parte del governo in considerazione del fatto che sono ormai quasi stabiliti "limitatamente" i benefici relativi dello svapo sul fumo, l' Association of Vapors India (AVI) ha sottolineato la scorsa settimana che la nicotina non dovrebbe essere presa in considerazione come causa delle morti legate al fumo.

C'è un equivoco "diffuso" sui rischi per la salute dello svapo, che ha portato molti stati indiani a vietare le sigarette elettroniche, privando i fumatori di un modo più sicuro di inalare la nicotina, ha affermato Samrat Chowdhery, direttore di AVI, un'organizzazione non a scopo di lucro che difende il diritto ad un'alternativa più sana al fumo analogico.

Questo equivoco non è limitato all'India, ha detto Chowdhery, aggiungendo che anche le e-cig sono vittima di una percezione pubblica negativa altrove riferendosi allo studio presentato alla Society for Research sulla 24a riunione annuale di "Nicotine and Tobacco" che indica chiaramente la disinformazione sui pericoli legati al fumo.

 

Quando vengono fumate, le sigarette tradizionali rilasciano catrame e altre sostanze chimiche tossiche, ampiamente ritenute responsabili dei decessi prematuri tra i fumatori. Al contrario, le sigarette elettroniche contengono solo nicotina che crea dipendenza, senza dubbio, ma non è dannosa per la salute a differenza del catrame e di altri agenti cancerogeni prodotti dalla combustione del tabacco nelle sigarette tradizionali, continua AVI in una nota.

Secondo la Federal Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, la nicotina è un farmaco perché stimola il cervello, rafforzando in tal modo il suo uso continuato da parte dell'individuo. Non è ciò che causa gravi malattie e morte per cancro e malattie ai polmoni e al cuore.

"Sono gli altri composti chimici nel tabacco e il fumo creato dall'incendio del tabacco, che causa direttamente e principalmente la malattia e la morte, non la nicotina", ha detto il commissario FDA Scott Gottlieb in una riunione tenutasi a White Oak, nel Maryland nel 2017.

Michael Russell, il padre della teoria della riduzione del danno da tabacco e lo sviluppatore della "gomma alla nicotina", ha nel 1976 affermato che: "Le persone fumano per bisogno di nicotina ma muoiono a causa del catrame".

Il funzionario AVI ha affermato che alcuni studi hanno dimostrato che la nicotina può avere effetti positivi come la caffeina nel tè e nel caffè, che agisce come stimolante e aumenta la frequenza cardiaca e aumenta la velocità di elaborazione delle informazioni sensoriali.

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche