Lunedì, 18 Marzo 2019 19:58

Usa: DeGette non si ferma, la lotta per il divieto di aromatizzazioni va avanti

Scritto da Giulio Marangon
in foto: Diane DeGette in foto: Diane DeGette Skyvape.it

L'idea era quella di presentare una legge che vietava le aromatizzazioni per le sigarette elettroniche. Diana DeGette va avanti con la sua politica di prevenzione.

La delegata del Colorado "Diane DeGette" al congresso ha avviato una forte ed accesa campagna per eliminare negli Stati Uniti tutti i liquidi per sigaretta elettronica aromatizzati.  Lanciata la scorsa settimana l'idea era quella di vietare soprattutto quelli che potevano attrarre i giovani.

Ad essere sotto accusa sono i nomi adottati da alcuni liquidi e accessori, i quali sarebbero stati scelti in una maniera sistematicamente studiata per attrarre i minori e quindi avvicinarli al mondo della sigaretta elettronica. Di seguito vi riportiamo l’affermazione rilasciata dalla democratica DeGette:

“La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che i gusti dei bambini che i produttori di sigarette elettroniche stanno vendendo con questi prodotti sono una delle principali cause di questo picco in uso tra gli studenti delle scuole medie e superiori.”

Se da una parte si potrebbe obbiettare sull’utilizzo di nomi contenenti all’interno le parole “candy”, “bacon” o altre, dall’altra ci sono dati inconfutabili che indicano che il divieto totale degli aromi potrebbe avere un effetto dannoso sui tassi di fumo negli adulti i quali potrebbero essere scoraggiati al voler abbandonare le sigarette tradizionali in favore di quella elettronica.

Lo dimostra un interessante studio condotto dal Center for Substance Use Research (CSUR) all’interno del quale sono presenti dati raccolti da oltre 20.000 vapers di diversi paesi degli Stati Uniti. I risultati indicano che gli aromi più comunemente utilizzati negli Stati Uniti sono: frutta all' 82,9%, mentre il secondo tipo più popolare è quello “dessert” (cremoso) che si attesta al 68,5%.

Dati che pur essendo incoraggianti e che dimostrino effettivamente la voglia dei maggiorenni di smettere di fumare potrebbero essere inutili qualora il disegno di legge proposto dal membro del Congresso degli Stati Uniti “Diana DeGette” venisse approvato. In quel caso, starebbe ai produttori di liquidi dimostrare alla FDA che gli aromi all’interno non sono la causa dell’aumento dell’utilizzo di sigarette elettroniche tra i giovanissimi.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.

           

Ultima modifica il Lunedì, 18 Marzo 2019 20:06