Martedì, 16 Aprile 2019 08:31

Indiana: In arrivo una tassa del 20% sui liquidi per sigaretta elettronica

Scritto da G. Marangon
Copyright: Skyvape.it Copyright: Skyvape.it Skyvape.it

Lo stato dell’Indiana vorrebbe imporre una tassa del 20% sui liquidi per sigaretta elettronica. 

Dopo la preoccupante proposta di tassare del 36% tutti i prodotti per la sigaretta elettronica arrivata direttamente dallo stato dell’Illinois, quest’oggi vi riportiamo un’altra manovra atta a scoraggiare il mercato dello svapo.

Stando a quanto riportato in una recente proposta, pubblicata dal Chestertontribune, approvata dal comitato legislativo infatti, lo stato dell’Indiana vorrebbe imporre una tassa del 20% sui liquidi per sigaretta elettronica. Non sappiamo esattamente se tale decisione sia un tentativo per disincentivare i giovani all’utilizzo del prodotto o semplicemente una ripicca nei confronti di un settore che sta continuando ad espandersi sempre più ogni giorno che passa.

Purtroppo dobbiamo aggiungere che il primo passo è stato fatto, ovvero, il comitato per gli stanziamenti del Senato ha votato giovedì a sostegno del disegno di legge. Il senatore repubblicano “Travis Holdman”afferma che tale imposta pari appunto al 20 percento risulta essere simile a quella applicata al costo di un pacchetto di sigarette e sarà più facile da calcolare rispetto a una tassa basata sulla quantità di liquido per sigaretta elettronica venduto.

Insomma, ancora una volta il settore vede avanzata una proposta di legge per una tassa che farebbe aumentare i prezzi dei prodotti (nello specifico dei liquidi). Ci chiediamo però se tutte queste manovre politiche ed economiche siano effettivamente necessarie e soprattutto se siano volte a creare un mercato più omogeneo e controllato o se invece si tratti di semplici scelte economiche.

Sarebbe bene però sempre tenere a mente che la sigaretta elettronica ad oggi è uno dei prodotto più efficaci contro la lotta al tabagismo e che ha già salvato milioni di persone dalla dipendenza dal fumo, ciò sicuramente non può essere un ulteriore dato che ci si possa permettere di ignorare.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.

Ultima modifica il Martedì, 16 Aprile 2019 08:31