Martedì, 07 Maggio 2019 08:42

Australia: I candidati alle elezioni non sono interessati alla sigaretta elettronica

Scritto da G. Marangon
Copyright: Skyvape.it Copyright: Skyvape.it Skyvape.it

L'Australia si prepara alle elezioni federali e i due candidati sono della medesima opinione: "la sigaretta elettronica è un vero e proprio disastro per la salute pubblica".

L’Australia si sta avvicinando al fatidico momento delle elezioni federali ciò, oltre a significare un importante punto di svolta, potrebbe anche segnare un importante miglioramento (o peggioramento) dell’ottica politica nei confronti della sigaretta elettronica.

Nelle prime battute la portavoce della candidata “Catherine King” ha affermato che gli australiani dovranno scegliere tra un partito laburista che ha effettivamente stilato un programma capace di investire molte risorse per la salute dei cittadini, e uno liberale che sembra non aver preso ancora alcuna decisione in merito all’ambito sanitario.

Secca è stata la risposta del Ministro “Greg Hunt” il quale ha invece sottolineato che un piano a lungo termine basato sull’economia sanitaria è già pronto per essere attuato. Insomma, dopo alcuni “botta e risposta” (purtroppo) i due candidati sembrano invece concordare su di un fatto in particolare, ovvero che la sigaretta elettronica è un vero e proprio disastro per la salute pubblica e che viene promosso dalle lobby del tabacco.

L’Indipendent Vaper Group NT ha rilasciato una importante dichiarazione che, purtroppo però, non sembra lasciare molto spazio di manovra in futuro per il settore della sigaretta elettronica:

"I due candidati sembrano essere davvero disinformati sui fatti e su ciò che risulta essere veramente una sigaretta elettronica e preferiscono credere alle menzogne che vengono pubblicate in rete. Purtroppo prevediamo che nessuna legislazione verrà proposta per il settore da questi due politici, ciò ovviamente ci allarma molto soprattutto in ottica di prevenzione del danno da fumo."

Anche “LegalizeVaping Australia” ha espresso il suo disappunto in merito alla vicenda, sostenendo che esistono più di 64 studi che dimostrano gli effetti benefici della sigaretta elettronica sugli utilizzatori di sigarette tradizionali ma che purtroppo i due esponenti politici candidati alle elezioni non hanno alcun interesse a prendere in considerazione.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.

Ultima modifica il Martedì, 07 Maggio 2019 08:44