Sabato, 20 Luglio 2019 13:52

Stati Uniti: Compagnia area mette al bando passeggero per utilizzo di sigaretta elettronica

Scritto da Fausto Zocco
Copyright: Skyvape.it Copyright: Skyvape.it Skyvape.it

Una compagnia aerea low cost, la Spirit Airlines, ha recentemente messo al bando a vita un passeggero accusato di aver utilizzato la sigaretta elettronica durante il volo.

La compagnia aerea, Spirit Airlines, ha recentemente messo al bando un uomo di 30 anni accusato di aver utilizzato la sigaretta elettronica nel bagno del velivolo NK 985 durante il volo Detroit - New Orleans.

Durante il viaggio, un passeggero ha notato che l'uomo seduto accanto a lui si comportava in modo strano in quanto aveva necessità di svapare sull'aereo seduto sul sedile. In effetti il passeggero incriminato ha provato ad utilizzare la sigaretta elettronica gettando il vapore in un sacchetto di plastica ma è stato subito ripreso facendogli notare che era severamente vietato fumare all'interno dell'aereo, forse, a quanto si evince dalla notizia pubblicata dalla stessa compagnia il passeggero era ubriaco.

Imperterrito, il trentenne, alzatosi, andò in bagno per non essere visto ma sono scattati, a suo discapito, i rilevatori di fumo che, cominciando a suonare, hanno allertato gli assistenti di volo obbligando i piloti ad iniziare la procedura di emergenza per far scendere l'aereo ad una quota di sicurezza, causando, oltremodo, panico nei passeggeri.

Le autorità hanno interrogato il giovane di San Pietroburgo, in Florida, quando l'aereo è atterrato ma, quest'ultimo, ha completamente negato di aver usato il dispositivo nell'aeromobile anche dopo le innumerevoli testimonianze dei passeggeri. 

Nessuna sanzione o nessun problema però per il passeggero che di conseguenza è stato inserito nella lista nera della compagnia mettendo al bando il malcapitato per tutta la vita dai qualsiasi volo della compagnia stessa. Secondo testimoni all'interno dell'aereo, l'uomo ha anche portato e bevuto grandi quantità di alcol, che è anche contro la politica aziendale.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.

 

 

Ultima modifica il Sabato, 20 Luglio 2019 13:52