IQOS 3 e IQOS 3 Multi. Questi nuovi prodotti saranno disponibili in Italia a partire da metà novembre. Oltre in Italia saranno venduti anche in Svizzera, Corea del Sud, Russia, Regno Unito e Colombia. 

iQOS fin dal suo esordio è stato un avversario del mondo della "cessazione al fumo". Il dispositivo creato da PMI per andare ad incontro alle esigenze di chi voleva smettere di fumare si è contrapposto fin da subito alle sigarette elettroniche. Ebbene molte testate giornalistiche in passato, ed anche oggi, ne hanno parlato e ne continuano a parlare anche se possiamo dire con coscienza che non ha niente a che vedere con il termine "sigaretta elettronica".

iQOS è un riscaldatore di tabacco che viene utilizzato con delle "Heets" o "cartucce" simili - se non uguali - delle mini sigarette che - inserendole all'interno del foro posto nella parte superiore - vengono riscaldate evitando la così tanto angosciosa combustione. 

C'è chi ne parla bene, chi ne parla male ma a noi sinceramente non interessa. Gli studi hanno portato alla conclusione che non è ancora stabilito l'effettiva realizzazione della diminuzione del danno rispetto alle sigarette convenzionali o, proprio se vogliamo essere coerenti, non è stato ancora dichiarato o affermato che facciano meno male delle sigarette elettroniche. Molti stati hanno attivato una lotta senza quartiere vietando il riscaldatore o effettuando studi che evidenziano la presenza di rischio per l'utilizzatore. Non l'ultima l'OMS ne ha evidenziato la similitudine con le sigarette convenzionali. Fatto alquanto evidente, anche scontato, è la presenza persistente del tabacco che nelle sigarette elettroniche o meglio nei liquidi non c'è o meglio è presente solo come aromatizzazione.

iQOS ha avuto una sua naturale evoluzione così come nel settore delle sigarette elettroniche passando da una fase primordiale ad iQOS MESH (sigaretta elettronica funzionante tramite liquido; questa volta vera e propria e-cig venduta solo ed esclusivamente, attualmente, nel Regno Unito) per poi evolversi nell'attuale iQOS 3 (disponibile in  Italia a partire da metà novembre).

IQOS 3 e IQOS 3 Multi sono le ultime novità in casa PMI. IQOS 3 rispetto alla precedente versione è caratterizzato da un design più ergonomico e compatto e ha una nuova modalità di chiusura magnetica. Sono stati diminuiti i tempi di ricarica ed è stata implementata la batteria. IQOS 3 MULTI™, invece, è la versione tutto in uno: base e caricatore sono stati integrati. È stato progettato per più utilizzi consecutivi: fino a un massimo di 10 con una sola ricarica. 

Insomma PMI non si ferma è vuole arrivare al suo famigerato "2030" dove - secondo le sue dichiarazioni - smetterà di vendere e produrre sigarette convenzionali. Sembra - a parere nostro - che i giganti del tabacco perdano sempre più terreno nel campo del "fumo" e sviluppino modi, per oltrepassare quell'idea di sigaretta convenzionale, che però vedono sempre la presenza del tabacco "lavorato" al loro interno.

Il problema è sempre lo stesso. I riscaldatori di tabacco (perché così si chiamano) sono dei dispositivi di riduzione ma non sono paragonabili alle sigarette elettroniche perché le sigarette elettroniche sono ben altro. Forse è il cado di dare ragione Colin Mendelsohn che esprime la sua opinione proprio sul termine "sigaretta elettronica" affermando quanto, tale termine, sia più fuorviante che esaustivo della tecnologia che oggi sta a capo ai dispositivi "vaping" usati. 

 

Segui il disclamer dei contenuti presenti sul blog.