Il comunicato stampa diffuso da ANAFE Confindustria sulla manovra finanziaria riguardante il decreto fiscale oggi in approvazione al Senato. 

Imposte ridotte dell’80% sui liquidi con nicotina e del 90% sui liquidi senza nicotina:

  • Ok a vendita on line sul territorio nazionale per depositi fiscali autorizzati
  • Più tutela della salute e stop a distorsioni del mercato: sottoposte a tasse e a Direttiva Europea le miscele «acqua e nicotina» e nicotina da miscelazione in polvere
  • Adesso impegno delle istituzioni sanitarie per riduzione del danno

“Per la prima volta nella storia del nostro settore le tasse non aumentano, ma diminuiscono. Il taglio previsto è dell’80% sui liquidi con nicotina e del 90% sui liquidi senza nicotina”.

A darne notizia è ANAFE, l’Associazione Nazionale Produttori Fumo Elettronico aderente a Confindustria, a seguito dell’approvazione in Commissione Finanze del Senato dell’emendamento presentato dalla Lega in materia di fumo elettronico. La tassa, attualmente fissata al 50% dell’accisa gravante sulle sigarette tradizionali, passa infatti al 10% sui liquidi nicotinici e al 5% sui liquidi senza nicotina. Tra le altre misure, il ripristino della possibilità, per i depositi fiscali autorizzati, di vendita on-line sul territorio nazionale e un intervento specifico sulle miscele «acqua e nicotina» al fine di evitare elusioni di imposta e sottoporre a tassazione e alle regole della Direttiva Europea sul Tabacco tali miscele che, finora, prevedevano concentrazioni di nicotina fuori legge ed estremamente pericolose.

“Anafe, attraverso un’interlocuzione virtuosa e rispettosa delle controparti politiche, si è impegnata e ha da sempre auspicato una riduzione ancor più netta e, per quanto riguarda i liquidi senza nicotina, un’eliminazione tout court della tassa. Tuttavia, alle condizioni attuali, non prive di difficoltà e resistenze, il risultato raggiunto è il migliore che il settore potesse ottenere, ma soprattutto è la prima grande vittoria per migliaia di imprese e lavoratori che finora avevano ricevuto solo schiaffi e porte chiuse in faccia. Il nostro ringraziamento va anzitutto al Vicepremier, Matteo Salvini, che da sempre ha sostenuto questa battaglia per incentivare uno strumento che, come ampiamente riconosciuto in ambito scientifico, è del 95% meno dannoso della sigaretta tradizionale e rappresenta, dunque, una formidabile alternativa per lotta al tabagismo e alle malattie fumo correlate”. “Vanno viste anche da questo punto di vista, cioè nell’ottica di tutela del consumatore, le nuove disposizioni sulle miscele «acqua e nicotina» e sulla nicotina da miscelazione in polvere la cui impennata nelle vendite, nel corso degli ultimi anni, aveva determinato non solo forti distorsioni sul mercato ma soprattutto potenziali gravi rischi per la salute dei consumatori”.

“Adesso, dopo l’intervento fiscale, auspichiamo che le istituzioni sanitarie si impegnino in modo effettivo per l’incentivazione di prodotti a rischio ridotto come politica di salute pubblica, seguendo la strada già tracciata da alcuni grandi Paesi europei, a cominciare dal Regno Unito” conclude Anafe Confindustria.

 

Segui il disclamer dei contenuti presenti sul blog.