In risposta alla nota inviata dall'assessore Alessio D'amato al Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e al Ministro della Salute, ISS risponde: "piena disponibilità".

Dopo la nota inviata ieri dall'assessore Alessio D'amato al Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), Silvio Brusaferro e per conoscenza al neo Ministro della Salute, Roberto Speranza si richiedeva se esistessero studi, monitoraggi recenti o approfondimenti tecnico scientifici in merito agli effetti sulla salute dell’uomo nell’utilizzo della sigaretta elettronica soprattutto nei confronti delle fasce della popolazione più a rischio, l'ISS risponde immediatamente:

“L’Istituto Superiore di Sanità esprime la piena disponibilità a collaborare con la Regione Lazio per fornire l’aggiornamento sugli studi attualmente disponibili in letteratura relativi ai rischi sull’uso della sigaretta elettronica”.

“l’Istituto è pronto inoltre a lavorare per individuare e implementare, alla luce delle attuali evidenze scientifiche, strategie in grado di attuare le misure di prevenzione più efficaci per contrastare i possibili rischi associati all’uso del dispositivo, in linea con quanto indicato dall’Oms”.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.