A Giugliano, paesone in provincia di Napoli, scatta il divieto di fare uso della sigaretta elettronica nei luoghi all'aperto.
Così testo di ordinanza sindacale posta in essere dal Primo Cittadino Nicola Pirozzi.
La previsione del massimo esponente cittadino, tuttavia, non è da leggere come misura anti-svapo in se stessa bensì, in senso più ampio, come strumento di tutela in chiave anti-Covid.
In particolare, come viene annotato, l'uso della sigaretta elettronica come anche l'uso della sigaretta classica (anche essa vietata) risultano essere incompatibili con il corretto uso delle mascherine.
Che, ovviamente, ai fini di un corretto uso, non possono essere neppure temporaneamente abbassate.
L'obbligo, pertanto, è rigoroso: ricalcandosi le attuali disposizioni ministeriali e regionali, i cittadini dovranno indossare h24 in tutti i luoghi all'aperto del territorio comunale, pubblici o aperti al pubblico, i dispositivi di protezione delle vie aeree.
E non potranno abbassarla neppure per concedersi un colpo di fumo o di svapo.
Di fatto, quindi, a Giugliano, fin quanto persisterà l'emergenza epidemica, sarà vietato (indirettamente) fumare e/o svapare.
Nell'ordinanza del sindaco partenopeo, tuttavia, non si fa allusione alcuna a potenziali e teorici rischi insiti nel fumo o nelle nuvole di vapore quali possibili vettori di diffusione del contagio.
Ma, come detto, ci si limita esclusivamente ad un discorso di compatibilità con le corrette modalità di calzare le mascherine.
Tant'è che, sempre in nome della stessa “ratio”, si fa anche divieto di bere alcolici sempre in contesti “open air” ed al di fuori delle pertinenze dei locali adibiti alla somministrazione di cibi e bevande.
E ben ha fatto il sindaco Pirozzi a specificare, nel corpo dell'atto, il divieto di fumo/svapo e non solo l'obbligo di corretto uso delle mascherine.
Diversi, infatti, sono i ricorsi già presentati da cittadini che, sanzionati perchè sorpresi con la mascherina abbassata “scopo sigaretta”, si stanno appellando invocando il diritto ad una “parentesi” di fumo - per di più nel rispetto del distanziamento.
E, come da primi orientamenti, il testo dell'ordinanza che non fa riferimento letterale al divieto di sigaretta potrebbe rappresentare un appiglio per i ricorrenti.