La negazione di principio della riduzione del rischio che è un concetto ampiamente presente in medicina in più ambiti specialistici, ha conseguenze gravi per chi fuma. Alla fine sarà più semplice continuare a fumare tabacco combusto ed a morire.
Mi dissocio totalmente da queste posizioni che partendo da un assiomatico ed integralista  negazionismo producono un danno irreparabile in 12 milioni di persone. Credo che dietro ci siano non tanto questioni di scienza quanto faccende di altra natura che poco hanno a vedere con la tutela della salute.
In questo caso la colpa non è tutta dei politici.

Così il dottore Fabio Beatrice in una "flash", all'indomani del nulla osta della Commissione Bilancio della Camera al plus fiscale sul settore sigarette elettroniche