Si è parlato negli ultimi anni di divieto di fumo all'interno delle auto ma le norme attuali non ricomprendono le sigarette elettroniche. Forse a causa del fatto che gli effetti non sono ancora chiari alla scienza ufficiale.

L’inizio della guerra alle sigarette in auto ha una data precisa: 12 gennaio 2016. È in questa data infatti che è stato varato l’apposito decreto legislativo in merito, divenuto di lì a poco legge. In ottica comunitaria, l’introduzione di questa normativa è servita ad integrare la legge già esistente sulla Tutela della Salute, nel rispetto della direttiva 2014/40 dell’Unione Europa.

L'italia, pertanto, ha deciso di punire i trasgressori che usavano, abitualmente, accendersi una sigaretta in auto. Tale legge prevede che nessun passeggero (o guidatore) all'interno dell'auto non possa fumare se vi siano presenti donne incinte, minori o se il veicolo si trovi nei pressi di un ospedale o istituto pediatrico. Non esiste una norma che regoli espressamente il fumo in auto (senza nessuno nell'abitacolo) durante la guida o il fumo in auto con la presenza di anziani.

Il caso riguardante le sigarette elettroniche propone un vero e proprio vuoto normativo in auto. Un utente sorpreso ad utilizzare una sigaretta elettronica mentre ha al suo fianco un minore o i soggetti di cui sopra non sta trasgredendo nessuna legge e di conseguenza non è sanzionabile.

Il punto è che sia le sigarette che le sigarette elettroniche possono rappresentare una vera e propria fonte di distrazione per chi si trova alla guida. Del resto, sono salatissime le multe per chi viene sorpreso alla guida mentre sta armeggiando in qualche modo con il proprio smartphone (la norma del codice della strada - 173 - in effetti è al pari di quella delle sigarette, dispositivi mobili e quant'altro possa portare a distrazione).

Il Codice della Strada (art 173 bis), parla proprio di distrazione alla guida dettando della norme generiche ma efficaci per evitare che il guidatore possa non essere attento alla strada, dove la normativa di base accomuna la sigaretta allo smartphone o comunque ad un qualsiasi dispositivo mobile. E' pertanto una buona precauzione non usare (durante la guida) dispositivi elettronici del settore del vaping in quanto potrebbero portare a distrazioni. Cosa ben diversa è quando si è fermi nell'auto.

Nel caso in cui il guidatore sia il solo occupante dell’auto, nel caso di veicolo fermo e non in movimento, non vigono le normative di cui sopra e sarà libero di tirare boccate di fumo senza incorrere in nessuna sanzione. Stessa identica cosa prevale sulle sigarette elettroniche.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.