Ridurre i fumatori, tutelare quelli passivi e rispettare l'ambiente è tra gli obiettivi della legge del consigliere regionale Mirco Carloni.

 

La norma sviluppa una strategia coordinata per il “contrasto di quello che è uno dei più importanti fattori di rischio prevenibili per la salute” ed ha avuto il via libera all’unanimità dal Consiglio regionale delle Marche che vede come primo firmatario Mirco Carloni (Ap) - in foto - che ha dichiarato: “la spesa per prevenire nel tabagismo fa risparmiare milioni nella cura”.

“La legge approvata per il contrasto al tabagismo rappresenta un passo importante per la salvaguardia della salute dei marchigiani. Con questa legge sosterremo chi vuole intraprendere un percorso di disintossicazione, tuteleremo i soggetti più deboli in particolare bambini, giovani e future mamme e proteggeremo l’ambiente”; così dichiara soddisfatto il consigliere regionale Mirco Carloni a seguito dell’approvazione all’unanimità da parte dell’Assemblea Legislativa delle Marche della legge per il contrasto al tabagismo che porta la sua firma.

“L’obiettivo primario di questa legge, che segue l’esempio di altre Regioni italiane, è quello di sviluppare una strategia coordinata per il contrasto di quello che, ad oggi, è uno dei più importanti fattori di rischio prevenibili per la salute, qual è il fumo di tabacco.    Attraverso questa legge verranno impegnate risorse e competenze professionali in vari ambiti di azione, finalizzate principalmente a prevenire l’iniziazione al fumo, specialmente nei giovani; favorire la disassuefazione dal fumo; proteggere i non fumatori dall’esposizione al fumo passivo e tutelare l’ambiente dagli scarti da tabacco.   Ognuna di queste azioni di intervento deve rappresentare un tassello di un’unica Strategia Regionale globale mirata al contrasto degli innumerevoli danni di ordine sanitario, sociale, economico ed ambientale provocati dal fumo di tabacco e dagli scarti delle sigarette. E’ questo il principale obiettivo della legge: unire su un’unica strategia tutte le azioni per massimizzare la loro efficacia”.

“L’attivazione dei centri e strutture dedicate che verranno messe a disposizione dell’ASUR regionale per il supporto alla dissuefazione da tabacco rappresenta una parte fondamentale di questa legge. Questo permetterà di agire in modo integrato nella politica di prevenzione, di controllo e cura del tabagismo attraverso la creazione di équipe multidisciplinari con competenze di tipo medico, psico-educazionale e infermieristico nelle strutture competenti”.

“Questa legge – conclude Carloni –  vuole essere il punto di partenza per un piano pluriennale in grado di massimizzare l’efficacia delle risorse economiche e professionali a disposizione, offrendo strumenti efficaci che consentano di dare una speranza e un vero aiuto a coloro che vogliono smettere di fumare. Se, inoltre, riusciremmo ad essere efficaci nella prevenzione impedendo che i giovani incomincino con questo brutto vizio, avremmo fatto una grande azione per la salute e per la qualità della vita dei nostri concittadini regionali”

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.