Alla vigilia della votazione del testo ROTTA-BOCCADUTRI, Simona Vicari spiega il suo emendamento con una nota ufficiale.

Alla vigilia della votazione del testo ROTTA-BOCCADUTRI che tenderà a modificare le sorti del settore del "vaping Italiano" tra la sera di sabato 16 e la mattina di martedi 19 dicembre, sul blog ufficiale di Simona Vicari esce una news - o un comunicato che dir si voglia - di spiegazioni sul suo emendamento.

Le basse interpretazioni non interessano. Quello che interessa è semplicemente chiarire il dovuto e dare spazio alla verità. Le interpretazioni possono o meno essere tante ma per quello che ci riguarda diamo fiducia alle istituzioni perchè anche se nessuno lo vuole ammettere... questo settore ha bisogno - in un certo qual senso - di una regolamentazione adeguata, forse non troppo rigida ma sempre di una regolamentazione.

L'emendamento Vicari, dichiarato da molti inammissibile nel mondo del vaping trova le sue risposte non solo da Anafe e Moige ma direttamente da una news pubblicata dalla stessa Senatrice nel suo blog. "Simona Vicari" spiega come l'emendamento non è così come lo si pensa. Riportando le parole che si leggono dalla news:

Il cosiddetto emendamento Vicari mira esclusivamente ad offrire una strada italiana verso la regolamentazione di un settore e di un ambito di attività economica che impatta fortemente anche sul tema della salute pubblica e sui costi sociali conseguenti oltre che sul fronte occupazionale.

[Simona Vicari - http://news.simonavicari.it/2017/12/16/emendamento-vicari-sulla-sigaretta-elettronica-cosa-si-tratta/ - 16 Dicembre 2017]

Tralasciando le accuse, le gravissime basse interpretazioni, gli insulti e quant'altro che la senatrice ha dovuto subire - da cui crediamo i vapers si dissociano pienamente - la Vicari spiega palesemente non solo le ragioni ma anche il perché e la voglia di tutelare questo settore.

Si sono dette una montagna di sciocchezze in queste ultime settimane sul tema della sigaretta elettronica e dell’emendamento al decreto fiscale che ho presentato in commissione bilancio. - continua la Vicari - 

Il mercato delle sigarette elettroniche in Italia è esploso in questi anni a si è sviluppato, senza regole, anche grazie al proliferarsi del commercio elettronico.

In parallelo al mercato legale della sigaretta elettronica che va sostenuto e accompagnato in un contesto di regole certe e sostenibili, abbiamo assistito allo sviluppo di un mercato illegale portentoso. E le entrate fiscali che erano previste a 110 mln nel bilancio dello stato, si sono limitate a 5.
La regolamentazione del settore comporta quindi questi benefici:
i minorenni saranno tutelati nell’accesso a questi prodotti ;
2) Tutti i fumatori avranno accesso a prodotti garantiti e non contraffatti in una rete ampia e controllata;
3) Gli attuali rivenditori sono garantiti
4) I dettaglianti ed i distributori saranno tutti garantiti potendo commercializzare i prodotti attraverso una rete più che capillare costituita da un punto vendita ogni mille abitanti circa;
5) I produttori di liquidi grazie ad un settore finalmente regolato troveranno apertura per una riduzione della tassazione.

Tutti i provvedimenti sono migliorabili e sono certa che in futuro si debba e si possa fare ancora meglio e di più per sostenere l’intero comparto ed i tanti posti di lavoro che ha prodotto, guardando alla salute dei consumatori che ogni giorno diventano più numerosi in un contesto di mercato che fino ad oggi ha rasentato l’anarchia.
Il gioco al massacro della disinformazione e della diffusione di notizie false è però tutto orchestrato da chi nella totale assenza di regole ha ricavato grandi benefici economici anche grazie all’elusione ed all’evasione fiscale.

Sono stata attaccata, fino alle minacce di morte, e lo sono tutt’ora, dai leoni da tastiera così come da giornalisti quotati nella carta stampata nazionale, per un provvedimento che sui social network sopratutto viene raccontato per quello che non è, ovvero “un grande favore alle lobby del tabacco che favorirà la morte di tumore di migliaia di persone”.
Sono offese gravissime alle quali, qui, non ho potuto che rispondere riportando ancora una volta i fatti. Tutelerò anche la mia onorabilità nelle sedi opportune valutando caso per caso l’entità degli attacchi e la loro provenienza.

[Simona Vicari - http://news.simonavicari.it/2017/12/16/emendamento-vicari-sulla-sigaretta-elettronica-cosa-si-tratta/ - 16 Dicembre 2017]