Con un intervento, ieri, in serata il Presidente del Consiglio Conte ha dichiarato le nuove direttive per contrastare la diffusione del nuovo coronavirus. 

Misure drastiche ma necessarie sono quelle che il governo ha adottato ieri nel secondo comunicato che il premier Conte ha emamato in diretta nella giornata di ieri nella tarda serata.

"Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato 1, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività.

Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie. Deve essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.
Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di un metro. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto. Restano, altresì, aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

Sono sospese le attività inerenti i servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti) diverse da quelle individuate nell’allegato 2.
Restano garantiti, nel rispetto delle norme igienico sanitarie, i servizi bancari, finanziari, assicurativi nonché l’attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi."

Rimangono pertanto aperte solo le attività riconducibili ad alimenti, farmaci, tabacchi e servizi finanziari quali banche e servizi postali tutto il resto rimane chiuso per andare incontro all'emergenza. Nel settore delle sigarette elettroniche le direttive sono chiare; i negozi devono rimanere chiusi e la vendita è possibile solo on-line.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.

 

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche