Girolamo Sirchia, medico ed ex Ministro della salute, del secondo Governo Berlusconi, è intervenuto su Radio Cusano Campus aprendo il dibattito sulle sigarette elettroniche.

E' pur vero che Sirchia non ha mai visto di buon grado lo strumento di riduzione del danno; basti pensare che nel 2018, in una intervista su IlGiornale, bocciò tale strumento in quanto annuì sulla possibile presenza di metalli pesanti nel vapore oltre alla presenza di nicotina affermando, inoltre, che le sigarette elettroniche sono solo un business e non una soluzione per risolvere il problema del tabagismo in Italia.

Nella sua ultima intervista ai microfoni di “L’Italia s’è desta” su Radio Cusano Campus (riportata da Italiachiamaitalia.it) l'Ex Ministro Girolamo Sirchia, promotore della legge antifumo che quest'anno ha compiuto 15 anni, si è espresso non solo sul tabacco ma, di nuovo, anche sulle sigarette elettroniche. Riportiamo le parole di Sirchia dell'intervista:

 “Il mondo si era reso conto da pochi anni che il fumo di tabacco è una calamità per la salute pubblica. Ci sono oltre 2 milioni di persone in Italia che vengono colpite da malattie a causa del fumo. Quando mi sono insediato ho compilato un’agenda con una serie di punti che dovevano essere realizzati per ridurre quantomeno questo danno. Il primo punto era evitare che i non fumatori venissero intossicati dal fumo degli altri. Tu sei libero di fumare, laddove non crei danni a me che non fumo”.

“Il secondo punto dell’agenda era la prevenzione dell’iniziazione al fumo dei ragazzi, questo purtroppo non si è riuscito a farlo. Una parte dei ministri del mio governo era favorevole alla mia legge, un’altra parte era contraria. C’è un mondo di interessi, di convinzioni, di pregiudizi, quindi è logico che vi sia gente pro e gente contro. Chi è contrario parla di libertà individuale, si parla di Stato etico, di fascismo, sempre le solite cose. La seconda scusa sono i danni spaventosi per l’economia, i disoccupati, gente che scenderà in piazza perchè si svuoteranno ristoranti e bar. La cosa è stata smentita ampiamente dai fatti. Il fumatore riceve un ulteriore danno quando va in un locale pieno di fumo perché respira il fumo degli altri”.

“Per anni i capotreni delle ferrovie mi hanno ringraziato perché li avevo liberati da questa calamità. Mi arrivarono però anche lettere minatorie, proiettili. Ci sono persone che hanno vissuto questa limitazione come una privazione della libertà. Questa cosa era molto sentita soprattutto da alcuni giornalisti, Giuliano Ferrara e Vittorio Feltri fecero delle campagne contro la mia legge. Oggi ci sono dei gazebo davanti ai bar che d’estate sono all’aperto, ma d’inverno diventano luoghi chiusi e la gente lì fuma, mangia e beve e quelle cose lì vanno contro lo spirito della legge”.

“Vietare il tabacco? Sarebbe giustissimo. Un osservatore indipendente si chiede: com’è possibile che si continui a vendere un prodotto che ammazza la gente? Però non si riesce perché la quantità di fumatori è tale che bisogna prima ridurla sensibilmente e poi il discorso può essere impostato. Lobby del tabacco? Si sono ampiamente e fortemente difesi con tutti i mezzi leciti a loro disposizione e tuttora questo avviene. Loro stanno cercando di produrre dei diversivi sul mercato, per indurre i giovani a fumare e alla dipendenza alla nicotina”.

Tutto giusto e tutto secondo i normali canoni della ragionevolezza ma proprio quando si parla di lotta al fumo Sirchia sulle sigarette elettroniche non cambia la sua posizione:

“E’ un diversivo dell’industria che produce tabacco. Sappiamo bene che questa sigaretta elettronica induce i giovani a fumare. Una volta che l’assuefazione si è instaurata si passa al tabacco, alla cannabis. Ora probabilmente avremo la cannabis sul mercato e comincerà la stessa cosa che è accaduta col tabacco, con la pubblicità, il fatto che riduce l’ansia, favorisce il sonno. Un sacco di chiacchiere che servono a fare profitto su un’altra sostanza che oggi non è ancora libera”.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.