Entrato in vigore ad ottobre il divieto temporaneo di vendita di eliquids aromatizzati è stato modificato. La senatrice Annette Cleveland ha affermato che il pericolo non sono i liquidi aromatizzati ma l'acetato di vitamina E.

Era entrato in vigore ad ottobre il divieto temporaneo di vendita di liquidi aromatizzati a causa di EVALI ma una modifica dal Senato effettuata la settimana scorsa consentirebbe la vendita dei prodotti aromatizzati solo agli adulti di età pari o superiore ai 21 anni.

La legge 6254 è stata introdotta sulla scia dello spavento di EVALI che ha portato a 60 morti confermati in 27 stati, ma la senatrice Annette Cleveland, che ha introdotto l'emendamento, ha affermato che il divieto di emergenza non era più appropriato poiché EVALI era stata attribuita all'acetato di vitamina E, non all'e-liquid alla nicotina aromatizzato.

Il nuovo regolamento, oltre a consentire la vendita dei prodotti, contiene una accisa del 37% su questi ultimi e un limite al contenuto di nicotina dei flaconi. In risposta ai coloro che hanno sostenuto che le aromatizzazioni aiutano il fumatore adulto a smettere, l'agenzia di analisi politica "Caitlin Lang-Perez" ha dichiarato:

"Vorremmo avere delle risposte definitive sull'efficacia delle sigarette elettroniche come dispositivo di cessazione o come strategia di riduzione del danno, ma non abbiamo quella scienza"

Nel frattempo, è entrato in vigore un divieto federale sulle pod aromatizzate, che vedrà innumerevoli prodotti come JUUL tolti dagli scaffali di tutto il paese.

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.