Il teorico del minor danno chiarisce su un aspetto molto discusso dai detrattori delle e-cig

Lo svapo come arma letale del tremendo Coronavirus? Le nuvole di vapore come veicolo di trasmissione del virus?
Nulla di tutto questo.

A mettere il punto sulla questione è Fabio Beatrice, pneumologo e Direttore del Centro antifumo dell'ospedale torinese “San Giovanni Bosco”.
Il professionista è intervenuto ai taccuini di “askanews”. "Le sigarette elettroniche non presentano alcun rischio di diffondere il virus a meno che non si sia positivi e si tossisca mentre si esala il vapore".

Una svapata “normale”, come chiarito da Beatrice, non contiene alcun rischio per le altre persone. E lo stesso spiega puntualmente – e scientificamente - il perchè. "Va precisato, inoltre – evidenzia il professionista - che ciò che viene espirato dalle sigarette elettroniche non è saliva ma vapore, glicole propilenico, glicerina e sostanze chimiche aromatizzanti in cui possono essere presenti particelle microscopiche di saliva in quantità così trascurabili da non poter ragionevolmente veicolare il virus. Uno svapatore positivo al Covid-19 non può essere considerato un vettore del virus a meno che non tossisca nel momento esatto in cui espira il vapore".

In altre parole: nel nuvolone che viene cacciato fuori da chi svapa non vi sono parti di saliva talmente abbondanti da poter rappresentare rischio di contagio. Al di la di ogni considerazione, però, c'è un ragionamento di base che non può essere trascurato.
Come afferma Fabio Beatrice, infatti, “pare quanto meno singolare l'idea che si possa svapare in presenza di soggetti terzi dal momento che l'indicazione del decreto parla dell'utilizzo di mascherine obbligatorio in presenza di altre persone, come strumento di protezione per tutti specialmente nei luoghi di lavoro dove saranno applicati protocolli severi”.

Stante questo stato di cose, la considerazione finale “Chi vuole usare la e-cig dovrà farlo, quindi, da solo e possibilmente all'esterno. Così indicano - la conclusione - le norme del divieto di fumo negli ambienti di lavoro".

tabaccosi svapoweb

apri negozio franchising sigarette elettroniche