Un nuovo studio a cura di  Fabio Beatrice e Giuseppina Massaro evidenzia come i prodotti a rischio ridotto sono un'opzione utile per chi non riesce a smettere.

Lo studio tutto italiano dal titolo "Exhaled Carbon Monoxide Levels in Forty Resistant to Cessation Male Smokers after Six Months of Full Switch to Electronic Cigarettes (e-Cigs) or to A Tobacco Heating Systems (THS)" ad opera del dott. Fabio Beatrice del Centro antifumo dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Torino e dalla dott.ssa Giuseppina Massaro, esperta nelle tecniche di disassuefazione dal tabagismo, è stata pubblicata sull’International Journal of Environmental Research and Public Health rilevando che:

"I risultati di questo studio forniscono nuove prove agli operatori sanitari e ai fumatori al fine di aiutarli a trovare la migliore scelta individuale tra gli approcci di riduzione del danno da tabacco ogni volta che l'obiettivo principale della cessazione del fumo non può essere raggiunto. Sia le sigarette elettroniche che i riscaldatori di tabacco sono opzioni praticabili, che riducono significativamente i livelli di marker di combustione nel respiro espirato, garantendo un elevato livello di conformità almeno a sei mesi dopo il passaggio e potrebbero essere scelti in base all'estensione della dipendenza da nicotina."

Un totale di 40 fumatori (tutti maschi; età media 49,8 anni), fumando 21,7 sigarette convenzionali al giorno per 31 anni in media, sono stati selezionati in questo studio osservazionale pilota. Erano tutti riluttanti o incapaci di smettere di fumare o richiedere aiuto tramite i prodotti a rischio ridotto. Prima dell'iscrizione, lo studio è stato approvato dal Comitato Etico della Città ASL di Torino (Comitato Etico Interaziendale AOU Città della Salute e della Scienza di Torino — AO Ordine Mauriziano di Torino), con codice di approvazione etica 0058617.

Ai fumatori è stato offerto di scegliere, in base alle preferenze individuali, una sigaretta elettronica a basso potenziale (cartuccia monouso, preriempita, alimentazione medio-bassa, nicotina 18mg / ml) o un riscaldatore di tabacco (THS) 2.2 (stick con un contenuto medio di nicotina di 0,50 mg per stick). Ogni fumatore, prima di scegliere il tipo di dispositivo, è stato informato delle caratteristiche tecniche essenziali dei due prodotti e ha ricevuto una formazione face to face con assistenza medica di 30 minuti su come utilizzare correttamente entrambi i dispositivi. Tassativo passare allo strumento a rischio ridotto entro 15 giorni. I soggetti sono stati arruolati consecutivamente nei due gruppi (sigarette elettroniche e THS) in base alle loro preferenze individuali fino a raggiungere un massimo di 20 fumatori per gruppo. Il gruppo rimanente è stato quindi completato, iscrivendo solo coloro che hanno preferito l'altro dispositivo fino a raggiungere 20 soggetti nel secondo gruppo. Tutti i 40 fumatori sono stati valutati, prima del passaggio, per la dipendenza da nicotina, utilizzando il test Fagerstrom e le misurazioni eCO.

"Il test Fagerstrom è stato progettato per fornire una misura ordinale della dipendenza da nicotina correlata al fumo di sigaretta. Contiene sei articoli che valutano la quantità di consumo di sigarette, la costrizione all'uso e la dipendenza. Nel punteggio del test Fagerstrom per la dipendenza da nicotina, gli articoli sì / no vengono assegnati da 0 a 1 e gli articoli a scelta multipla vengono assegnati da 0 a 3. Gli articoli vengono sommati per ottenere un punteggio totale di 0–10. Maggiore è il punteggio totale di Fagerstrom, più intensa è la dipendenza fisica del paziente dalla nicotina."

"L'eCO è stato utilizzato come marcatore di prodotti della combustione, ottenuto da un singolo respiro espiratorio utilizzando un misuratore di eCO portatile (monitor MicroMedical micro CO, SensorMedics Italia srl, Milano, Italia), secondo le raccomandazioni del produttore. i livelli di eCO sono espressi in ppm (1-6 = non fumatore; 7-10 = fumatore leggero; 11-20 = fumatore;> 20 = fumatore pesante) e% COHb (0,16-0,96 = non fumatore; 1,12–1,60 luce fumatore; 1,76–3,20 = fumatore;> 3,20 fumatore pesante)."

Il test di Shapiro Wilk e metodi grafici sono stati applicati per valutare la normale distribuzione delle variabili. Il test di Wilcoxon per i dati associati è stato applicato per valutare la varianza tra l'interruttore prima e quello successivo separatamente nei due gruppi. Anche se, in questo studio pilota, la dimensione del campione limitata non consentirebbe un confronto statico formale, il test U di Mann – Whitney è stato applicato per valutare eventuali differenze tra i due gruppi. L'analisi è stata eseguita con il software Stata 14.1 con un valore p <0,05 come statisticamente significativo.

Alla base i due gruppi non differivano per età, numero di sigarette, eCO (anche se valutati separatamente per fumatori e fumatori), mentre i fumatori che sceglievano di passare a THS avevano un punteggio di dipendenza medio più elevato (test di Fagerstrom) rispetto a quelli che passano a alle sigarette elettroniche( p = 0,001).

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.