5° appuntamento del 27-04-2019: Special Blend - La Tabaccheria, il Wild West

Buon sabato vaper,

oggi il nostro viaggio ci porterà tra i profumi di una terra selvaggia, note di fumo, whisky e miele. Il Wild West La Tabaccheria.

Catapultati in un film western tra cavalli al galoppo, assalti alle diligenze, e frecce che sibilano, il Wild West, è un aroma che ha segnato, per chi come me ama gli aromatizzati, una svolta.

Quando per la prima volta ebbi la possibilità di assaggiare questo aroma, fui estasiato dall’ amalgama così perfettamente riprodotta.

Fondamentalmente basato su tre ingredienti principali, il whisky, il miele e un tabacco, che io identifico nel Kentucky, il Wild West, ha la caratteristica intrinseca di dare sensazioni che vanno al di là dei semplici ingredienti di cui esso è composto. Si ricrea così una sorta di scena sensoriale nella quale si ha la percezione della mineralità della polvere, della ruvidità del whisky, e della dolce nota ambrata del miele. Il tabacco, posto secondo me in maniera sublime, arricchisce questo quadro cinematografico, con venature sporche ed appunto selvagge.

Un Kentucky che elargisce la sua fumosa presenza con la torbatura e lo stallatico, peculiarità della quale, lo rende unico. Diciamocelo chiaramente, da che mondo è mondo, il sigaro Toscano e il Whisky sono nati per stare a braccetto, sicuramente non è originale affatto il loro coesistere. Ma quella armonia totale, che tanto sa di salotto di metà ‘800 è un leitmotiv che noi ex amanti del sigaro e del buon whisky nel vaping lo abbiamo cercato in ogni dove, cadendo spesso in aromi disgustosi, me compreso.

Non è il caso di questo Wild West, dove la nota alcolica del whisky si avverte, ma non è presente, dove il miele, un miele scuro, selvaggio, accolgono a sé un generoso Kentucky.

Io lo considero un aroma da meditazione, sebbene possa tranquillamente rientrare nella categoria all-day, è mia consuetudine, dopo una lunga giornata lavorativa, o dopo un lauto pasto, sorseggiare un buon single malt (un Lagavulin, un Oban, un Talisker) e svapare il Wild West di guancia sul mio tank.

È riduttivo pensare di associare a questo tabacco aromatizzato un solo sistema di svapo.

Nella mia esperienza ho notato che ogni sistema da me utilizzato ha reso delle particolarità aromatiche diverse, sta a voi decidere quale è più tra le vostre corde. Provate a variare la vostra esperienza partendo da un atomizzatore da 14mm fino ad arrivare ad un 24mm, che sia di guancia, che di polmone ne vale veramente la pena.

Adesso è tempo di risalire sul mio cavallo, la batteria è carica e il cotone ben imbevuto, il sole è all’orizzonte.

Il prossimo sabato è già vicino.

prossimo appuntamento 4 Maggio 2019

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.