19° appuntamento del 21-09-2019: N°759 Mixture -La Tabaccheria - Hell's Mixtures.



Buon sabato amici vaper,

oggi vi offro un bel viaggio nel tempo. Un ritorno agli anni ’70. Anni difficili, sì è vero, gli anni di piombo, delle bombe e dei complessi progressive ma erano anche gli anni dove ci godevamo la vita.

Gli anni in cui nasceva una leggenda della pipa: il Balkan Sobranie.

Il Balkan Sobranie oltre ad essere stata una mixture leggendaria scomparsa definitivamente, rappresenta anche una vera e propria pietra miliare della filosofia del fumo da pipa.

Una vera e propria rivoluzione per gli anni in cui uscì sul mercato andando a spodestare quello che fino ad allora erano le uniche due tipologie di mixture presenti: le Standard Mixture e le Full Mixture. In genere questi blend prevedevano l’uso di tabacchi orientali, solitamente turchi, con un corpo modesto tagliati con discrete (ridotte) quantità di Latakia di ottima fattura. Nelle Full, in genere, veniva inserito solo del Perique per rendere il tutto più pungente e deciso.

La rivoluzione della Balkan Sobranie fu quella di sconvolgere le regole con le quali si producevano le mixture da pipa portando i tabacchi orientali, ai quali era meramente affidata la funzione strutturale e stabilizzante, a diventare i protagonisti aromatici dell’intera mistura. Il Latakia, dapprima usato in maniera parsimoniosa, nella Sobranie diventa considerevolmente più presente e pregnante. Ovviamente il risultato finale andava a nobilitarne la resa aromatica. Dall’inconsistenza delle precedenti, alla carnosa voluttuosità di questa neonata mixture, che da lì a poco sarebbe diventata sempre più richiesta ed adorata dagli amanti della pipa.

È la vera e propria chiave di volta tra la pipa da passeggio e la pipa da degustazione/meditazione.

Tutti, e se conoscete fumatori di pipa di vecchia data chiedetelo pure, hanno fumato almeno una volta, negli anni ’70, del Balkan Sobranie.

Una miscela che si è perduta per due motivi principali. La sempre più difficile reperibilità del tabacco siriano in primis e il salto improvviso che c’è stato dalle sale da tè e dai club al boom economico. La vita moderna, così estremamente veloce e frenetica da farci dimenticare lo slow smoking, la meditazione e il piacere di noi stessi.

Una mistura di altri tempi.

Ed è proprio da questo punto che, La Tabaccheria, ha voluto rendere omaggio ad una leggenda della pipa andando a reinterpretarne l’animo bohémien della Sobranie. Un ritorno al passato con stile, infatti la Mixture n°759 dell’azienda romana è una reinterpretazione (rivisitazione) in chiave moderna della Balkan, della quale è pregna dello spirito che la ha contraddistinta nel tempo.

La corposità aromatica dell’Izmir, le fondamenta ordite dal Virginia, la penetrante e grossa presenza di sua maestà Latakia e, a mio modesto modo di sentire, il Basma che va ancor di più ad arricchire il flavour.

Gli orientali sono i protagonisti indiscussi di questa armonia, una predominanza di legni aromatici e sentori erbacei di fieno essiccato e spezie. Una lunga scia aromatica quindi che viene rincalzata dal Basma che ne affina delicatamente le note di testa e di coda finendo in gran bellezza sulle braccia del Latakia che, come da copione, recita la sua parte in maniera eccelsa, racchiudendo il tutto in una così perfetta spirale aurea sensoriale.

Il ritorno alla vita delle sale da tè, delle puffate di pipa davanti ai quotidiani e dei giradischi che gracchiano il beat, dei paltò marroni sugli appendiabiti e della gente che si gode la vita.

Un ritorno alla vera vita, quella che non prevede la frenesia del modernismo.

 

prossimo appuntamento 28 Settembre 2019

Segui il disclaimer dei contenuti presenti sul blog.