L' University Hospitals Bristol (UHB) ignora le disposizioni del governo britannico e poterà avanti un divieto totale di vaping all'inizio del prossimo anno.

L'intenzione, di porre il divieto, arriva pochi giorni dopo che Norman Lamb ha presentato al Parlamento il rapporto del Comitato scientifico e tecnologico e ha chiesto la "regolamentazione proporzionata al rischio delle sigarette elettroniche".

Il divieto totale di fumare potrebbe essere posto all'inizio del 2019 e i responsabili della decisione hanno scelto di trattare il vaping, e i prodotti ad esso correlato, come il fumo. La giustificazione dell'ospedale "universitario" è stata di gran lunga dettata dalle lamentele verso i fumatori all'ingresso e nelle finestre adiacenti ai corridoi in quale porterà l'attuale divieto di fumo dell'edificio ad una eliminazione totale in tutta la proprietà.

Matt Joint, "Director of People" di UHB, ha dichiarato:

"In qualità di fornitore di servizi sanitari, abbiamo un ruolo da svolgere nel promuovere una vita sana e nell'offrire sostegno a personale e pazienti che vogliono smettere di fumare."

"Riceviamo regolarmente reclami da pazienti, visitatori, genitori di bambini e dal personale, di persone che fumano nei nostri ingressi o vicino alle finestre aperte. Come fornitore di assistenza sanitaria, è importante che affrontiamo questi problemi".

Ros Badman, specialista in infermeria clinica respiratoria:

"Circa l'85 per cento del fumo passivo è invisibile e inodore, ma può diffondersi attraverso finestre, porte e mezzi di ventilazione, danneggiando chi è dentro. Sappiamo anche che una persona che fuma poterà altri a fumare. "

Il deputato Norman Lamb - la scorsa settimana - ha dichiarato che c'è un "dibattito proprio su come vengono prese in considerazione le sigarette elettroniche negli spazi pubblici. Quel dibattito dovrebbe essere supportato da delle prove ".

Ha aggiunto: "Non esiste una giustificazione per il trattamento che viene dato alle sigarette elettroniche equiparate alle sigarette convenzionali. Un terzo della NHS si fida delle sigarette elettroniche all'interno delle loro strutture e tre quarti - di contro - sono erroneamente preoccupati per il vapore passivo, nonostante le prove che presenta un rischio per la salute trascurabile".

L'azione di UHB non è certo la "regolamentazione proporzionata al rischio delle e-sigarette" che i parlamentari richiedevano, ed è una vergognosa perpetuazione del passato, fallita nell'approccio alla riduzione del danno da tabacco. [Planetofvapers.co.uk]

Segui il disclamer dei contenuti presenti sul blog.